Fase 2: vi spieghiamo cosa succede se il dipendente si ammala in azienda

Se il dipendente si ammala in azienda che conseguenze ci possono essere per il datore di lavoro? Si tratta di malattia o infortunio? Queste e altre domande a tema.

Fase 2: cosa accade se il dipendente si ammala in azienda?
Termometro e medicine (foto Pixabay)

In questi giorni i giuslavoristi sono stati chiamati ad approfondire molti istituti giuridici e ad interpretare la normativa emergenziale, al fine di fornire una guida in questo marasma normativo.

Tra le domande che ci si è posti c’è senza dubbio quella relativa alle conseguenze nel caso in cui un lavoratore subordinato si ammali di Covid-19 in azienda.

In primis, quindi, appare necessario chiarire che nel caso in cui un dipendente si ammali di Covid-19 sul luogo di lavoro, a causa della prestazione della propria attività, si ha un infortunio sul lavoro.

Più spinoso è invece il tema delle responsabilità a cui possono andare incontro il datore di lavoro e gli altri soggetti responsabili per la sicurezza sul luogo di lavoro in base al D.Lgs. n. 81/2008 in caso di contagio dei dipendenti.

Nel caso in cui un dipendente sia richiamato al lavoro e si ammali possono aprirsi alcuni profili di responsabilità civile, penale e amministrativa per il datore di lavoro e/o il suo delegato alla sicurezza.

Leggi anche —> La crisi economica colpisce soprattutto i millennials

Quando il datore di lavoro è responsabile per il contagio del suo dipendente

Fase 2: cosa accade se il dipendente si ammala in azienda?
Riunione di lavoro (foto Pixabay)

Tuttavia, queste responsabilità dipendono (ognuna in modo diverso) da due importanti fattori: il primo è la prova del nesso di causalità tra il contagio e il lavoro in azienda.

Deve cioè essere provato che il virus è stato contratto lavorando, cosa che può diventare molto difficile provare.

Poi, deve essere provato che il contagio è avvenuto a causa della violazione da parte del datore di lavoro dei protocolli di sicurezza richiesti dalla normativa sull’emergenza Coronavirus.

Cos’è il protocollo anti-contagio

Il Protocollo anti-contagio è un complesso di norme relative alla gestione del lavoro (dalle distanze all’utilizzo degli spazi comuni alle norme relative alla sanificazione) che ogni datore di lavoro deve redigere, comunicare e far rispettare.

Sono nuove norme sulla sicurezza che si aggiungono a quelle già in vigore nelle aziende.

Leggi anche —> Fase 2: le parole di Conte su nidi e centri estivi

Fase 2: cosa accade se il dipendente si ammala in azienda?
Star war office (foto Pixabay)

Leggi anche —> La Bce mantiene i tassi fermi

Potrebbe interessarti anche —> I Contagi in Italia Regione per Regione aggiornati alle 19.00 del 1° maggio 2020