Un meteorite sfiora la Terra: la relazione con le pandemie

Un meteorite di 15 metri è transitato in prossimità della Terra a soli 20 mila chilometri ma non è entrato in contatto con l’atmosfera terrestre.

Meteorite (GettyImages)
Meteorite (GettyImages)

Da anni si sa che alcuni virus potrebbero essere alimentati da particelle portate sul nostro pianeta da meteoriti e asteroidi. Ci sono varie pubblicazioni in merito a questo argomento. Andiamo a vedere la sintesi di due scienziati: Chandra Wickramasinghe, del Buckingham Center for Astrobiology e Milton Wainwright che fa parte di un team di scienziati dell’Università di Sheffield e dell’Università di Buckingham Center for Astrobiology. Il professor Chandra Wickramasinghe ha detto che un virus super virulento è stato forse il responsabile dell’estinzione dei dinosauri. Sostiene inoltre che nel corso della storia dell’evoluzione alcuni virus letali siano comparsi e scomparsi all’improvviso e la loro origine è extraterrestre.

LEGGI ANCHE -> Il virologo Giulio Tarro: Per il vaccino ci vorranno 2 anni

I virus sono entrati nell’atmosfera a causa di un meteorite

Meteorite (GettyImages)
Meteorite (GettyImages)

Il professore pensa sia plausibile che alcuni virus siano entrati nell’atmosfera dopo essere stati trasportati da meteoriti prima di avere effetti terribili come una pandemia. Il professor Milton Wainwright fa parte di un team di scienziati dell’Università di Sheffield e dell’Università di Buckingham Center for Astrobiology. Dopo l’invio di palloni aerostatici fino a 27 km di altezza, sostiene che sono state raccolte dallo spazio che contenevano un numero enorme di virus. I virus, prima di diventare un pericolo per le persone, devono essere ospitati da cellule per rigenerarsi e subiscono così delle trasformazioni. Non tutti i virus però sono un problema ma adesso comunque l’intera umanità sta pagandone il prezzo.

LEGGI ANCHE -> Le compagnie aeree riaprono le prenotazioni: si torna a volare

Luna (GettyImages)
Luna (GettyImages)

Gli Stati Uniti hanno ridotto le spese militari per studiare il Coronavirus e produrre così un vaccino.