Tarro: “Lo sport all’aria aperta è tra i migliori metodi antivirali in assoluto”

Il virologo Giulio Tarro è intervenuto in diretta su radio Punto Nuovo per parlare, tra le altre cose, dell’importanza di praticare sport all’aria aperta.

Giulio Tarro (areanapoli.it)
Giulio Tarro (areanapoli.it)

Giulio Tarro è intervenuto a ‘Radio Punto Nuovo’: “Le prospettive dell’epidemia che stiamo vivendo e le eventuali soluzioni mi vedono su una linea di pensiero nuova. L’esperienza delle epidemie napoletane ha fatto diventare Napoli capitale, grazie anche al Cotugno che è un ospedale predisposto per le malattie infettive. Ci sono alcune situazioni che contrastano con la realtà dei fatti, è un aspetto molto importante da dover considerare prima di polemizzare”.

LEGGI ANCHE -> Kim Jong-un riappare in pubblico dopo tre settimane

Giulio Tarro: “Lo sport è importante per tutti”

Giulio Tarro (huffingtonpost.it)
Giulio Tarro (huffingtonpost.it)

Il virologo Giulio Tarro si è poi espresso sull’atteggiamento di Spadafora: “Per ragioni d’età sono passato sotto diversi governi, da De Gaspeti in poi, gente che ha letto molto diversamente le situazioni. Questa gente che si esprime in una certa maniera, è la stessa che sta all’altezza della sanità secondo cui dobbiamo aspettare il vaccino per uscire. Come ci si può esprimere in tal modo? Sembra completamente fuori dalla realtà. Siamo gli unici a cercare di trattenere il più possibile il Coronavirus. Dobbiamo aggiungere che dai bambini ai giovani adulti, tutti gli sportivi, sono il miglior antivirale che esista. Alcune situazioni mi riportano alla ricetta israeliana che sono convinto sia la migliore: proteggiamo gli anziani, ma liberiamo i giovani con un’immunità che si istituirà. Lo sport è importante per tutti, i giovani possono praticarlo che sia individuale o collettivo”.

LEGGI ANCHE -> Fase 2, le Regioni possono riaprire in ordine sparso

Jole Santelli
La presidente della Regione Calabria Jole Santelli (foto dal web)

“Tornare a vivere o stringere i cordoni? Sono – conclude Tarro -,  dalla parte dei calabresi che hanno riaperto tutto”.