Fase 2, Galli: “Senza precauzioni sarà un disastro”

Fase 2, Massimo Galli ha rilasciato alcune dichiarazioni in cui ha elencato i possibili rischi in caso di mancate precauzioni. 

Coronavirus Galli
Il virologo Galli (GettyImages)

Dopo una lunga fase di lockdown, l’Italia è pronta per ripartire. Da domani 4 maggio inizierà nel nostro paese la fase 2: milioni di persone torneranno a lavoro e saranno alleggerite alcune misure. I cittadini, infatti, potranno uscire di casa per comprovate esigenze lavorative, per motivi di necessità e per motivi di salute: in aggiunta potranno far visita ai congiunti. La fase 2 non sarà un liberi tutti: la normalità è ancora piuttosto lontana. Alcuni esperti temono una nuova ondata di contagi: l’infettivologo Massimo Galli ha rilasciato alcune dichiarazioni in cui ha elencato i rischi in caso di mancata prudenza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> La mappa regione per regione dell’epidemia: il bilancio al 3 maggio

Fase 2, l’allarme dell’infettivologo Galli

fase 2 Massimo Galli
Il dottor Massimo Galli esprime preoccupazione per la Fase 2 Foto dal web

Massimo Galli ha parlato dell’inizio della fase 2: “L’emergenza non è affatto finita. Si sta cominciando a vedere la luce perché ci sono stati i provvedimenti di distanziamento sociale ma senza le debite precauzioni si cercano guai. Servono le precauzioni”. L’infettivologo del Sacco, a Sky Tg 24, ha spiegato come affrontare la prossima fase dell’emergenza: “Il problema esiste e siamo costretti ad avere grandi precauzioni e a essere responsabili. Dobbiamo riuscire a convivere con questa realtà altrimenti rimaniamo bloccati in una situazione economicamente disastrosa. Se non siamo attenti e si deve richiudere tutto, sarebbe veramente il disastro. Le prossime 3 settimane saranno decisive: occorre prudenza e rispetto delle regole per uscire da una situazione critica.

LEGGI ANCHE –> Diminuisce l’inquinamento ma gli ambientalisti hanno un grande timore 

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.

Coronavirus
(Getty Images)

L’ultimo bollettino della protezione civile ha confermato il trend in discesa: in calo il numero di morti, dei ricoverati e delle persone in isolamento domiciliare.