La Fase 2 nelle diverse città italiane: come si stanno comportando i cittadini

L’inizio della Fase 2 sta già mostrando grandi differenze all’interno del Paese: le grandi città hanno reagito in modo diverso in questo primo giorno di ripartenza.

Parco Roma
(Getty Images)

Le grandi città italiane hanno mostrato reazioni differenti già a partire dal primo giorno d’inizio della Fase 2. Alcune hanno confermato il timore che a far data da oggi lunedì 4 maggio la situazione sarebbe ben presto sfuggita di mano, altre invece pare si stiano contenendo nel massimo rispetto delle prescrizioni anticontagio.

Leggi anche —> Consigli per evitare il contagio: quali sono i comportamenti da adottare in fase 2

Fase 2, la situazione nelle diverse città italiane: come si sta comportando la popolazione

Milano
Piazza Duomo a Milano (Getty Images)

Si inizia già ad avvertire la timida ripresa. In alcune città la prudenza è tangibile, la si nota dalla compostezza e dal rispetto delle norme di prevenzione, in altre invece pare che i cittadini abbiano dimenticato che il virus è ancora in circolazione. Ad influire, sicuramente l’esponenziale aumento dei lavoratori da oggi di nuovo in attività, ben 4,4 milioni.

A destare maggiori preoccupazioni ovviamente l’utilizzo responsabile dei mezzi pubblici e la riapertura di parchi e giardini per svolgere attività motoria. Le reazioni delle diverse metropoli le riporta l’Ansa in una dettagliata disamina.

La fase 2 di Milano: poca affluenza nelle metro

Alle 9 Milano, uno dei centri maggiormente colpiti dall’epidemia pare aver compreso che questa che il Paese si appresta a vivere è una fase di convivenza con il virus. Ed infatti, le auto sono tornate a circolare, ma moderatamente. All’interno della metro poca affluenza. La città ancora sopita sta ripartendo, ma con la dovuta calma.

Quanto alla stazione di Milano Centrale i treni diretti a Napoli mostravano una fila ordinata di 100 passeggeri, tutti debitamente distanziati e controllati con il termoscanner dagli addetti al servizio. Stando a quanto riferisce l’Ansa, nessuno sarebbe stato respinto all’ingresso.

Torino, traffico in centro e runner nei parchi

Torino, diversamente da Milano, si sveglia nel traffico. Numerose le auto che hanno affollato il centro storico, così come molti sono i runner ed i proprietari dei cani che si sono riversati nel Parco del Valentino appena riaperto. Quasi tutti i cittadini, riporta l’Ansa indossano la mascherine e rispettano, fortunatamente le distanze di sicurezza.

Roma, grandi timori per la Capitale, ma è la più disciplinata

Era Roma con il suo grande traffico a preoccupare maggiormente gli esperti. Eppure, pare si attesti tra le metropoli più disciplinate. Un trend si spera che verrà mantenuto nel tempo. Sui mezzi pubblici le persone indossano la mascherina e mantengono le distanze. Occupati solo il 50% dei posti dei bus e delle metro.

Attivi i collegamenti con Viterbo ed il rinomato “trenino” Termini – Centocelle nonché la Roma-Lido. Le corse termineranno alle 23:30 e non verrà effettuato servizio notturno. Le ztl non sono tornate in funzione, ma il parcheggio è di nuovo a pagamento dopo mesi di sospensione disposta dalla Sindaca Virginia Raggi. I parchi, però, sono stati assaltati dai runner.

Anche a Roma nelle stazioni la situazione sembra sotto controllo. Distanziamento e rigore fanno da padroni. Il timore di chi dopo tempo trascorso a casa ora dovrà prendere i mezzi pubblici una volta giunto da fuori città è tanto. Per tale ragione alcuni pendolari si sono muniti di bicicletta che utilizzeranno per muoversi all’interno della Capitale. Ai passeggeri in arrivo ed in partenza viene misurata la temperatura con i termoscanner.

Venezia bella e triste: la città è vuota

Nella città di Venezia non ci sono turisti e la perla sul mare si mostra priva del motore che porta avanti ormai da anni la sua economia.

Firenze, calma nonostante il traffico

Il cuore di Firenze torna a pulsare ma senza troppo rumore. Stando a quanto riferisce l’Ansa il traffico c’è ma è molto disciplinato. Non si vedono assembramenti in strada. La ripartenza si nota soprattutto in stazione dove numerosi sono i pendolari.

Napoli, linee dirette per evitare sovraffollamenti

Nella città di Napoli, l’aria pare più rilassata. Nella stazione di Piazza Garibaldi vi è un’affluenza sostenuta, ma sui mezzi non è consentito l’accesso a più di 20 persone. Per evitare sovraffollamenti le fermate intermedie delle corse sono soppresse e la Circumvesuviana mostra, riporta l’Ansa, posti sigillati. Il traffico in tangenziale è considerevole ma non si registrano ingorghi.

A destare preoccupazione la riapertura della sede napoletana di Whirlpool ed Fca. Quanto alla prima i suoi dipendenti prima di ricominciare hanno ricevuto specifica formazione ed appropriati kit. Per Fca, invece, si parla di un rientro graduale; nella giornata di oggi sarebbero 30 gli operai che hanno ripreso a lavorare nel reparto affidabilità.

Bari, mezzi privati in soprannumero

Nella città di Bari, invece, pare che la Fase 2 abbia portato ad uno smodato utilizzo dei mezzi privati. A confermarlo oltre all’evidente traffico anche i tassisti riporta l’Ansa i quali riferiscono che dalle 5 del mattino non hanno avuto neppure un cliente.

Leggi anche —> Fase 2, il virologo Burioni: “Pronti per la Fase 2? Non sono certo”

Sull’A1 si registra un considerevole aumento di traffico verso il Sud.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.