Serie A, il nuovo piano per la ripresa: si gioca tutti i giorni!

Serie A, nuovo piano per la ripresa mentre le squadre tornano ad allenarsi: si pensa a scendere in campo praticamente tutti i giorni

Coronavirus Serie A Var
Logo Serie A (foto dal web) 

Continua a infuriare il dibattito sul campionato di calcio. Le squadre di Serie A, da oggi, possono tornare ad allenarsi, dopo la circolare di ieri del ministero dell’Interno che ha riaperto i centri sportivi per le sessioni individuali per i singoli giocatori. Per gli allenamenti collettivi bisognerà attendere almeno il 18 maggio, monitorando l’evoluzione del livello di contagi e sperando in buone notizie. Tensione nell’ambiente, con il ministro Spadafora che ha replicato in maniera piccata, causando molte reazioni anche a livello politico. Intanto, si pensa a quando e come tornare in campo.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Il ministro dello Sport Spadafora: “Ripresa del campionato? Per ora non se ne parla proprio”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Serie A, l’allarme: “Lo stop significherebbe la morte del calcio”

Serie A, il piano ‘estremo’ della Lega Calcio

Serie A Var calcio e coronavirus
Stadio San Siro (foto dal web)

Prende piede, in particolare, un’ipotesi ‘estrema’, una sorta di ultima spiaggia per salvare la stagione. La speranza è sempre di riprendere il 13 giugno, data che permetterebbe di distribuire il calendario delle giornate rimanenti piuttosto tranquillamente in modo da concludere entro il 2 agosto. Secondo il ‘Corriere dello Sport’, si lavora però già all’ipotesi più pessimistica. Cioè, quella secondo cui non sarà possibile tornare in campo prima del 27 giugno.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Serie A, il premier Conte contro il ministro Spadafora

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Olimpiadi, da Tokyo l’allarme: rischio annullamento

Serie A Gravina Figc
Gabriele Gravina, presidente della Figc (Getty Images)

In quel caso, con appena 36 giorni e dodici giornate da disputare, la soluzione sarebbe soltanto una. E cioè, per tutte le squadre, giocare ogni tre giorni, con partite distribuite in tutti i giorni della settimana e l’annullamento della Coppa Italia.