Ylenia Carrisi | il messaggio del fratello Yari ad anni di distanza | FOTO

Tra Ylenia Carrisi e Yari c’è sempre stato un rapporto molto profondo. Ora spuntano fuori delle parole mai viste prima nei confronti di lei.

Ylenia Carrisi Yari
ll rapporto Ylenia Carrisi Yari sempre stato molto profondo Foto dal web

Si ritorna a parlare di Ylenia Carrisi, la primogenita di Al Bano e Romina nata nel novembre del 1970 e scomparsa senza lasciare tracce il 31 dicembre 1993. Allora la ragazza si trovava a New Orleans, negli Stati Uniti, e soggiornava in una camera d’albergo con il controverso Aleksander Masekela.

LEGGI ANCHE –> Ylenia Carrisi, parla il fratello: “Mia sorella non c’è perché ha questa paura”

Lui è un individuo con una cattiva reputazione, ancora vivo oggi e sul conto del quale Al Bano e la sua ex moglie hanno sempre pensato il peggio. Suo fratello Yari ha pubblicato una vecchia lettera risalente al 1977 e che riporta una dedica proprio ad Ylenia Carrisi. Sua sorella era più grande di lui di due anni e mezzo. In essa vediamo le parole di un piccolo Yari (all’epoca aveva circa 4 anni, n.d.r.). Nella storia Instagram che mostra il prezioso reperto, spiccano le parole scritte su di una pagina di quaderno, in inglese.

LEGGI ANCHE –> Ylenia e l’assist di Yari | Il messaggio alla figlia di Albano e Romina

Ylenia Carrisi Yari, il disegno con la descrizione di quel 2 marzo 1977

Yari bambino scrive, il 2 marzo del 1977, di stare su di un aereo diretto a Lima, in Perù, e che il loro viaggio avrebbe portato lui e la sua famiglia anche a La Paz, in Bolivia. Sul fondo poi c’è un disegno di Ylenia così come appariva quel giorno. Un ricordo molto toccante che ha in parte fatto dimenticare la recente polemica che ha investito Yari. Colpa delle sue parole dure rilasciate nei confronti di Barbara D’Urso. Lui e mamma Romina sono dell’idea che Yelenia – che oggi avrebbe quasi 50 anni – non sia morta.

LEGGI ANCHE —> Ylenia morte | le cose che nessuno ha mai detto di lei

 

E con grande continuità postano messaggi social sperando di avere finalmente qualche buona notizia, a distanza di oltre 25 anni da quella tragica serata di fine 1993.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale , seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter