Covid-19, Israele isola un anticorpo: si avvicina la nuova terapia

Covid-19, Israele isola un anticorpo: si avvicina la nuova terapia. La formula sarà brevettata per poi cercare un produttore globale 

 

Virus Urbani ministero della Salute piano segreto gennaio
(Getty Images)

Un gruppo di ricercatori in Israele hanno isolato un anticorpo chiave per il covid-19. Lo ha identificato il Ministro della Difesa dello Stato ebraico, definendolo “un passo importante” verso una possibile terapia contro il virus. L’anticorpo monoclonale neutralizzante, sviluppato presso l’Istituto israeliano per la ricerca biologica, potrebbe rendere il virus neutrale.

Leggi anche —> Aggiornamento Protezione Civile: il bollettino del 5 maggio

Covid-19, Israele ha sviluppato un anticorpo

Virus ricerca guariti pazienti anticorpi
(Getty Images)

Secondo gli esperti, si tratta di un importante progresso per trovare un antidoto al virus. Il direttore dell’Istituto, Shmuel Shapira, ha affermato che la formula dell’anticorpo sarà brevettata per poi cerca un produttore globale per la produzione su larga scala. Nella dichiarazione il ministro non ha specificato se questo risultato riguarda una evoluzione nella ricerca del trattamento presentato a fine marzo, o se si tratta di un altro trattamento.

Inoltre la dichiarazione, non specifica se il trattamento è stato sperimentato sull’uomo oppure no. intanto nei Paesi Bassi le Università di Rotterdam e di Utrecht hanno condotto una ricerca su un anticorpo monoclonale che starebbe dando ottimi risultati nelle fasi sperimentali in laboratorio. La ricerca è stata pubblicata su Nature Communications e, secondo i suoi realizzatori, l’anticorpo è capace di bloccare le glicoproteine sulla superficie virale di Sars-Cov-2 così da bloccare il suo ingresso nelle cellule ospiti.

Leggi anche —> Primo giorno di Fase 2, interviene il premier Giuseppe Conte

Virus ricerca guariti pazienti anticorpi
(Getty Images)

Ieri si sono rincorse voci su un potenziale vaccino italiano che sarebbe in fase sperimentale presso lo Spallanzani. In un primo momento la società romana Takis aveva dato buone speranze sui risultati in vitro, ma nel pomeriggio è stato chiarificato che la sperimentazione è solo ai fini preliminari.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.