Fase 2, il bonus dei liberi professionisti da 800 a 1000 euro

Fase 2, novità per il liberi professionisti. Il bonus fino a 1000 euro. E’ l’ipotesi allo studio del governo, come apprende Adnkronos/Labitalia

fase 2 bonus
Il congedo parentale ed il bonus baby sitter presenti anche nella Fase 2  (Getty Images)

Nuove ipotesi da parte del Governo. Con l’aumento del limite di spesa del Fondo di reddito di ultima istanza per il 2020 da 300 a 800 milioni di euro, il bonus per i liberi professionisti dovrebbe arrivare a 800-1000 euro, cumulabile con l’assegno ordinario di invalidità. L’annuncio arriva dallo studio del Governo. Sarà un decreto interministeriale a stabilire le risorse che andranno ai professionisti.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Pericolo insetti killer: la vespa mandarina è sbarcata anche in Italia

Fase 2, bonus liberi professionisti. La bozza

fase 2 bonus
soldi (Getty Images)

La bozza del dl maggio, che Adnkronos/Labitalia ha potuto visionare, modifica il testo del Cura Italia aggiungendo la previsione che per i percettori del Reddito di ultima istanza “le indennità sono cumulabili con l’assegno ordinario di invalidità di cui alla legge 12 giugno 1984, n. 222”. Nella bozza si legge anche che “i soggetti titolari della prestazione, alla data di presentazione della domanda, non devono essere in alcuna delle seguenti condizioni: titolari di contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato; titolari di pensione”. Per richiedere l’indennità sarà necessario inoltrare una domanda all’Inps in cui si attesti la perdita del 33% del fatturato a causa del lockdown tramite un’autocertificazione. In seguito l’Istituto dovrà comunicare i dati in questione all’Agenzia delle entrate, che verificherà la veridicità dei numeri trasmessi. Poi l’Agenzia si preoccuperà di comunicare l’esito dei controlli all’Inps che avvierà quindi la procedura per il rilascio del bonus.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Bonus famiglia: bonus mamma, bebè, baby sitter, nido, congedo

fase 2 bonus
soldi (Getty Images)

Per adesso sono queste le ipotesi del Governo riguardo al decreto economico. Ma potrebbero esserci cambiamenti in corso d’opera con l’evolversi della situazione.