Walter Ricciardi: “Stiamo vivendo ben tre pandemie, non solo una”

Walter Ricciardi, rappresentante italiano nel Comitato esecutivo dell’Oms, ha parlato nel corso di un evento-online dell’attuale situazione italiana spiegando che il Paese sta vivendo tre pandemie

Ricciardi
Walter Ricciardi (foto dal web)

È una delle voci più autorevoli sull’epidemia quella di Walter Ricciardi, non solo membro del Comitato esecutivo dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), ma anche consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza.

Di recente, stando a quanto riporta la redazione di AdnKronos, il professore ha partecipato ad un evento on-line titolato Dall’ospedale Covid al territorio Covid -Priorità per la cosiddetta Fase 2. Un seminario promosso dall’Accademia romana di Sanità pubblica, in cui appunto si è parlato di quella che è l’attuale situazione e di quello che dovrà essere fatto nel prossimo futuro.

Leggi anche —> Iniziata Fase 2. Ma il Viminale pensa già ad una nuova stretta

Walter Ricciardi: “Tre pandemie in contemporanea, non solo quella sanitaria

fase 2
(Getty Images)

Stiamo vivendo tre pandemie in contemporanea” ha dichiarato Walter Ricciardi stando a quanto riporta la redazione di AdnKronos. Una avrebbe specificato trattarsi di quella derivante dal Covid-19. L’altra sarebbe quella economica che sta mettendo in ginocchio l’intero Pianeta e che in Italia condurrà alla precarietà numerosi cittadini. Ed infine, la terza, che è un’epidemia mentale, la quale dispiegherà i propri effetti all’esito di questo lungo periodo di limitazioni. Le conseguenze, avrebbe affermato Ricciardi, saranno di rilevante entità. Come più volte ribadito, il Covid-19 ha condotto ad una crisi sistemica che sta travolgendo tutti i settori.

Il consulente del Ministero si è, poi, soffermato su di un’altra problematica, quella relativa al Servizio Sanitario Nazionale. Quest’ultimo nel corso dell’emergenza pare aver mostrato qualche debolezza. Per tale ragione nel corso del suo intervento il professor Ricciardi ha parlato di un Ssn che sarà in grado di resistere se si appoggerà a tre pilastri. In primo luogo, riporta AdnKronos, bisogna comprendere che se funziona solo quello ospedaliero si rischia che il personale al suo interno sia maggiormente esposto al contagio a causa dell’eccessivo afflusso. L’esempio è la Lombardia, la quale si porterà dietro gli strascichi dell’epidemia per molto tempo.  Il secondo pilastro, avrebbe proseguito Ricciardi, sarebbe quello della medicina generale con i liberi professionisti che attivano convenzioni con l’Ssn.

Leggi anche —> Dove il virus ha perso forza: la lista di tutte le Regioni con i relativi indici di contagio

Infine terzo ed ultimo pilastro sarebbe la sanità pubblica dei dipartimenti di prevenzione, scrive AdnKronos riportando le parole del professore. I medici di sanità e igiene pubblica, devono essere formati e possedere le massime conoscenze della materia.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.