Antitrust, indagini sui rincari degli alimenti durante la quarantena

Antitrust, iniziano le indagini sui rincari degli alimenti. In quarantena sono stati rilevati aumenti anomali dei prezzi anche per disinfettanti

antitrust
spesa (Foto dal web)

Sono molti i cittadini che in questa quarantena si sono lamentati dell’aumento dei prezzi per gli alimenti ed altro. Così l’Antitrust ha iniziato un’indagine preistruttoria sui rincari dei beni alimentari e dei detergenti durante l’Emergenza Coronavirus. L’Antitrust ha ritenuto di non poter escludere che tali maggiori aumenti siano dovuti anche a fenomeni speculativi. Molti potrebbero essere i motivi come per esempio un maggior peso degli acquisti nei negozi di vicinato, minore concorrenza tra punti vendita a causa delle limitazioni alla mobilità dei consumatori, le tensioni a livello di offerta causate dal forte aumento della domanda di alcuni beni durante il lockdown e dalle limitazioni alla produzione e ai trasporti indotte dalle misure di contenimento dell’epidemia.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Fase 2, bar e ristoranti prossimi alla riapertura: le misure di sicurezza

L’indagine dell’Antitrust

antitrust
SPESA (GETTY IMAGES)

Un’indagine che servirà per capire meglio come sono andate le cose. Per prima cosa l’Antitrust ha inviato richieste di informazioni a numerosi operatori della grande distribuzione per acquisire dati sull’andamento dei prezzi di vendita al dettaglio e dei prezzi di acquisto all’ingrosso di generi alimentari di prima necessità, detergenti, disinfettanti e guanti, per individuare eventuali fenomeni di sfruttamento dell’emergenza sanitaria a base dell’aumento di tali prezzi. “Le richieste di informazioni – spiega l’Autorità – riguardano oltre 3.800 punti vendita, soprattutto dell’Italia centrale e meridionale, pari a circa l’85% del totale censito da Nielsen nelle province interessate”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Serie A, nuovi casi di contagio: positivi alcuni giocatori e membri dello staff

spesa
spesa (pixabay)

Dalle analisi preliminari svolte sui dati Istat sono emersi a marzo, per i prodotti alimentari, aumenti dei prezzi rispetto a quelli correnti nei mesi precedenti differenziati a livello provinciale. Le zone interessate sono le cosiddette zone rosse.