Ripresa Serie A, ecco che cosa vuole il governo: l’annuncio

Serie A, trattativa in corso tra il mondo del calcio e il governo per la ripartenza del campionato: ecco il parere delle istituzioni

Coronavirus Serie A Var
Logo Serie A (foto dal web) 

Giorni decisivi per la possibile ripartenza del campionato di Serie A. Dopo la ripresa degli allenamenti individuali dei giocatori, le squadre attendono il via libera per gli allenamenti collettivi a partire dal 18 maggio. C’è preoccupazione per il nuovo emergere di casi di positività, ma anche la volontà di trovare una soluzione per tutto il movimento, per concludere la stagione ed evitare perdite economiche che sarebbero pesantissime. Il protocollo medico e di sicurezza riveduto e corretto dalla Figc è al vaglio del governo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ufficiale, calcio e coronavirus: arriva una nuova regola

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Serie A, nuovi casi di contagio: positivi alcuni giocatori e membri dello staff

Serie A, l’annuncio: “Il ministro Speranza vuole la ripartenza”

Roberto Speranza Serie A
Il ministro della Salute Roberto Speranza (Getty Images) 

Dalle stanze governative, filtra un’apertura importante alla ripresa del calcio. Sandra Zampa, sottosegretaria alla Salute, comunica la volontà del ministro Speranza, in caso in cui ci siano le condizioni, di far tornare le squadre in campo. “Si va verso una buona direzione – ha dichiarato la Zampa a ‘Radio Punto Nuovo’ – L’idea è far riprendere gli allenamenti di squadra, poi verificare lo stato epidemiologico dopo 15 giorni e capire se effettivamente si potrà tornare a giocare”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Serie A, si decide per il protocollo: la chiave per la ripartenza

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Serie A, un calciatore contro la ripresa: “Abbiamo paura”

Serie A Var calcio e coronavirus Spadafora
Stadio San Siro (foto dal web)

“Si cerca una mediazione, tutti entrano in ritiro sani e devono restare sani – ha proseguito – Speranza lascerà le valutazioni al comitato tecnico e scientifico, non è contrario alla riapertura, anzi. Ma vuole che tutto avvenga in sicurezza”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.