Addio a Little Richard, è morta la leggenda del Rock’n’roll

Little Richard è uno dei padri fondatori del rock’n’roll. Il musicista aveva 87 anni. Ad annuncialo un comunicato del figlio riportato da Rolling Stone 

Little Richard
Little Richard (Gettyimages)

Se ne è andato all’età di 87 anni la leggenda del Rock’n’roll. Colui che con il suo look trasgressivo aveva scandalizzato l’America dei primi anni Cinquanta. Parliamo di Little Richard, uno dei padri fondatori di questo celebre genere musicale.

A riferirlo la rivista Rolling Stone riportando un comunicato del figlio della star della musica, Danny Penniman. Non è chiara ancora la causa della sua morte. Nessuno, ancora ne ha parlato.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

Little Richard, se ne va una grande stella della musica

Little Richard
Little Richard (tgcom24.it)

Se ne va un’latra grande stella della musica. Little Richard divenne celebre per la sua trasgressività, appunto, in un’America conservatrice e perbenista. Erano gli anni Cinquanta e lui faceva il suo esordio sulle scene musicali. Con la sua trasgressività, nel look, nello stile e nella musica, si fece ben presto apprrezzare. Così il suo “marchio di fabbrica” non solo divenne travolgente ma si fece influente anche in altri ceneri, dal soul al rap.

LEGGI ANCHE -> Fase 2, le misure di sostegno per il turismo e le famiglie

Con la sua presenza scenica notevole, un sound nuovo, acclettico e accelerato, portò un vero cambiamento nel nascente rock and roll. Il suo vero nome era Richard Danny Penniman, cognome mantenuto dal filgio. Tra le sue hit “Tutti frutti”, “Long Tall Sally”, “Lucille”, “Good Golly Miss Molly”.

Il musicista ha ottenuto nella sua carriera diversi riconoscimenti. E’ stato inserito nella Rock and Roll Hall of Fame e nella Songwriters Hall of Fame.

LEGGI ANCHE -> Arisa parla della grave malattia di cui soffre da tempo

Little Richard
Little Richard (repubblica.it)

Inoltre la sua “Tutti Frutti” nel 2010 è stata inserita nella Biblioteca del Congresso per il suo “sound ritmato e irresistibile, sposato a un’interpretazione vocale unica, che annunciò una nuova era per la storia della musica”.