Epatite E, il nuovo virus che arriva da Hong Kong

Dopo il Covid-19, il nuovo incubo sanitario che arriva dall’estremo oriente, precisamente da Hong Kong, si chiama Epatite E.

RISCHIO tubercolosi
ospedale ( getty images)

L’Epatite E è una malattia che è presente nei topi e normalmente non nelle persone, perciò non esiste un ceppo specifico. Il primo caso è stato diagnosticato nel 2018 e l’ultimo meno di dieci giorni fa. Tutti i casi sono stati riscontrati a Hong Kong, tranne uno, trovato in Canada. Adesso anche la Cnn riferisce degli ultimi casi. L’Epatite E porta febbre e ingrossamento del fegato ed esiste in quattro ceppi che circolano tra varie specie di animali ma una sola presenta anche Rna per l’essere umano, o almeno è quanto si conosce al momento. Il dottor Siddharth Sridhar, microbiologo e uno dei ricercatori dell’Università di Hong Kong che ha fatto la scoperta, ha dichiarato: “Improvvisamente avevamo un virus che può passare dai topi nelle strade agli umani”. L’ultimo caso, riscontrato una settimana fa, è stato quello di un 61enne con i livelli delle funzioni epatiche anormali e a cui è stata diagnosticata l’Epatite E del ceppo animale.

LEGGI ANCHE -> Estate 2020: distanza tra ombrelloni e contapersone, come ripartire dopo il Covid 19

L’Epatite E si trasmette attraverso le feci dei topi nell’acqua potabile

topo vaccino
topo (pixabay)

Il ceppo E si trasmette con la contaminazione delle feci dei topi nell’acqua potabile, secondo l’Oms, il ceppo però, presente nei topi, non ha ancora una via di trasmissione sicura al 100 per cento. Per quanto riguarda l’ultimo paziente non ci sono state infatti prove di contaminazione da topi nella sua abitazione e nessuno dei suoi parenti ha avuto alcun sintomo. Dall’Hong Kong’s Centre for Health Protection hanno commentato: “Basandoci sulle informazioni epidemiologiche disponibili, la fonte e il mezzo dell’infezione non può essere determinato”.

LEGGI ANCHE -> Berlusconi: la ricetta per ripartire dopo il coronavirus

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

test della saliva
Ospedali (Getty Images)

Non si conosce ancora molto del virus: il tempo di incubazione, come trattare i pazienti malati e il vettore di trasmissione.