Un’infermiera ruba la carta di credito a un paziente malato di Covid

L’infermiera ha aspettato che il suo paziente venisse intubato per rubargli la carta di credito e spendere 60 dollari.

Danielle Conti, di 43 anni, infermiera all’ospedale Staten Island University North di New York, rischia di perdere il lavoro per aver rubato la carta di credito di Anthony Catapano, paziente 70enne, dell’ospedale, affetto da Coronavirus. La Conti ha usato la carta di credito tre giorni prima che il paziente morisse: secondo la polizia ha rubato la carta di credito durante un turno e ne ha usato 60 dollari, il 9 aprile scorso, per pagare benzina e generi alimentari in un ShopRite. Tara Catapano, figlia di 37 anni di Anthony ha dichiarato: “Non riesco a credere che una persona possa fare qualcosa del genere a qualcuno che lotta per la vita. Questa è un’infermiera che ha prestato giuramento per curare, proteggere e salvare i pazienti. È disgustoso. Non mi sarei mai aspettato nulla di simile. È un essere umano spregevole. Come si sentirebbe se qualcuno facesse questo ai suoi genitori gravemente malati? Spero che abbia ciò che si merita e perda il lavoro. Ha rischiato il suo posto di lavoro per 60 dollari approfittando delle condizioni di mio padre. Sono sicura che pensava che non sarebbe sopravvissuto e che la sua famiglia non se ne sarebbe accorta”. 

LEGGI ANCHE -> Muore di Covid, il primario commosso: Sua nipote mi ha chiesto di accarezzarlo

L’infermiera è stata sospesa e rischia il licenziamento

coronavirus fase 2
(foto dal web)

In un comunicato dell’azienda ospedaliera si legge: “Danielle Conti è stata temporaneamente sospesa e rischia la risoluzione del contratto. Stiamo lavorando a stretto contatto con le autorità e l’ospedale sta conducendo le sue indagini”.

LEGGI ANCHE -> De Donno e la plasmaterapia: l’allontanamento dai mass media

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

Un portavoce della polizia locale ha commentato: “Chissà quante altre volte sono già successe cose simili. Bisogna solo aspettare per vedere quante di queste persone finiranno davanti a un giudice”.