Spostamenti tra regioni. Quando ci sarà il via libera tutti

Spostamenti tra regioni a partire dal 25 maggio. Ma quali saranno i requisiti necessari? Gradualità e cautela. Ecco tutte le indicazioni

spostamenti
spostamenti (getty images)

Finalmente ci siamo. Abbiamo una data ufficiale per gli spostamenti tra regioni. Il Governo farà ripartire i viaggi interregionali. Probabilmente sarà possibile spostarsi prima solo nelle zone meno contagiate e si manterranno misure di sicurezza più stringenti dove l’emergenza è ancora viva. Ma quando succederà tutto questo? Secondo la dichiarazione da parte del Governo, la data prevista è il 25 maggio. I cittadini delle regioni del Centro e del Sud Italia saranno le prime ad avere il via libera.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Massimo Clementi: “Il virus ha perso la sua potenza”

Spostamenti tra regioni, cosa c’è da sapere

spostamenti
Stazione di Napoli (foto dal web)

Cosa cambierà a partire dal 25 maggio? I viaggi tra regioni. Seguendo misure di gradualità e prudenza, infatti non si tratterà di una via libera tutti. Le regioni interessate agli spostamenti saranno quelle con il rischio di contagio più basso, quindi dalla Toscana verso il Sud. Il Nord Italia dovrà aspettare ancora un po’, visto che lì i contagi sembrano non volersi abbassare. Per ora gli spostamenti consentiti  fuori regione sono quelli dovuti a motivi di lavoro, salute o rientro al proprio domicilio, residenza e abitazione. Il Governo non ha reso ufficiale la data, quindi potrebbero esserci dei cambiamenti. Ma secondo quanto riporta il Messaggero, per adesso le cose stanno così.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Tasse e contributi, nuova proroga in arrivo. Le novità

spostamenti
Stazione treno (Getty Images)

Intanto alcune regioni italiane come il Trentino Alto Adige si appresta a riaprire le attività commerciali, anche parrucchieri, centri estetici, bar e ristoranti. I cittadini sono pronti ad una nuova fase, quella della rinascita, prevista dal Governo per il 1 giugno. Per gli esperti non è ancora il momento di abbassare la guardia.