Bonus autonomi, il ministro Gualtieri annuncia novità sulle modalità

Bonus per autonomi e stagionali, il ministro dell’economia Gualtieri annuncia la novità: “Arriverà in automatico i primi di giugno”

Conte e Gualtieri mutui sospesi
Il premier Giuseppe Conte ed il Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri (Getty Images)

Per i tanti nominati bonus per autonomi e stagionali, il ministro dell’economia Gualtieri annuncia la novità che riguarda le modalità per riceverlo. Stando a quanto ha dichiarato, non sarà necessaria una nuova domanda. Gualtieri ha confermato quanto anticipato dal presidente dell‘Inps, Tridico, una settimana fa. Chi ha ricevuto il bonus di 600 euro ad aprile, con riferimento a marzo, riceverà il prossimo in automatico, senza dover effettuare una nuova domanda. Così sarà, a prescindere dall’importo che sarà ufficializzato con il decreto. Dovrebbero essere 800 euro per il mese di maggio, mentre il successivo e ultimo mese di bonus, dovrebbe passare a 1000, ma soltanto per una categoria di autonomi. Quindi, per il primo mese, bonus per tutti coloro che lo hanno già ricevuto, o di 600 o di 8000 euro, in automatico sul conto indicato.

Leggi anche > Bonus Covid in busta paga a luglio: gli importi

Gualtieri annuncia novità sui pagamenti

DECRETO RILANCIO
Soldi in mano (foto Pixabay)

Per quanto riguarda la tempistica, il ministro Gualtieri si è sbilanciato anche sulla data. Il prossimo bonus sarà accreditato i primi di giugno. “La nuova indennità Inps per autonomi e stagionali sarà erogata in automatico in pochissimi giorni agli oltre 3,7 milioni di persone che l’hanno già percepita senza bisogno di nuova richiesta, e contiamo che il contributo a fondo perduto, a cui provvederà l’Agenzia delle entrate, arrivi alle imprese entro i primi di giugno”. 

Leggi anche > Cassa integrazione: la svolta nei pagamenti

Cosa succede al mutuo in caso di fallimento della banca
500 euro (foto Pixabay)

Ai primi del prossimo mese, quindi, non sarà solo la volta dei bonus per gli autonomi e i stagionali, ma anche per il fondo perduto da erogare alle aziende. Gualtieri ha poi sottolineato che nel prossimo decreto si punta a semplificare quanto stanziato nel precedente decreto Cura Italia.