Bonus in busta paga a luglio: la tabella con gli importi

Nonostante l’arrivo imminente della recessione, il bonus in busta paga diventerà operativo a luglio di quest’anno.

fase 2 bonus
soldi (Getty Images)

A luglio arriverà il bonus in busta paga. Nonostante la recessione in arrivo al governo non si è mai messo in dubbio il taglio del cuneo fiscale per i lavoratori dipendenti. Le altre misure approvate con la finanziaria, come plastic tax e sugar tax, potrebbero venire sospese per non mettere oltremodo in crisi l’economia italiana, già molto provata.
Il bonus arriverà a luglio di quest’anno e toccherà molti lavoratori dipendenti. Chi però già riceve in busta paga il bonus di Renzi in misura piena avrà un vantaggio fiscale (tabella in basso) di soli venti euro. Per i redditi più alti (dai 24mila euro in su) andrà meglio: a coloro cioè che non hanno mai ricevuto il bonus di 80 euro o ne hanno ricevuto solo una parte. Per questi lavoratori il vantaggio fiscale effettivo potrà arrivare fino a 100 euro.

LEGGI ANCHE -> Vittorio Sgarbi su Silvia Romano: “Va arrestata”

Bonus per chi ha un reddito di 28mila euro o inferiore

Bonus busta paga tabella importi (today.it)
Bonus busta paga tabella importi (today.it)

Va sottolineato che le persone che hanno un reddito inferiore o uguale a 28mila euro percepiranno il beneficio sotto forma di bonus. Per i redditi oltre 28mila euro ci sarà una detrazione fiscale di 100 euro, che decresce fino ad arrivare al valore di 80 euro in corrispondenza di un reddito di 35mila euro per poi azzerarsi a 40mila. Sono esclusi da questa misura i lavoratori sotto la no tax area (8.173 euro), che potranno chiedere il reddito di cittadinanza come integrazione al reddito.

LEGGI ANCHE -> Forte scossa di terremoto nella Capitale

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

Euro soldi
(Getty Images)

Il governo voleva varare con la finanziaria dell’anno prossimo una riforma fiscale complessiva rimodulando gli scaglioni Irpef. Ma, con la recessione alle porte, difficilmente ci saranno i soldi per alleggerire nuovamente la pressione fiscale.