Il piano anti-crisi dell’UE si scontra con il blocco della Germania

La Commissione ha minacciato di avviare un procedimento di infrazione contro Berlino. Si prevede uno scontro contro il blocco tedesco

italiexit
Europa (Getty Images)

La Commissione europea prevede di presentare questo mese il suo piano di ripresa economica, che mira a sovvenzioni non rimborsabili per settori come l’edilizia e prestiti a lungo termine a industrie strategiche come l’energia. Ma il progetto è ancora in sospeso e le istituzioni comunitarie stanno lottando, finora senza successo, per aggirare il nein tedesco. Con il veto o la condanna, la Germania spinge l’Unione europea verso un’uscita dalla crisi scatenata dalla pandemia di coronavirus ancora più difficile di quanto si temesse. “L’Europa deve emergere più forte da questa crisi. E la Germania farà la sua parte per raggiungerlo “, ha promesso la cancelliera Angela Merkel sabato scorso in occasione della Giornata dell’Europa. Ma la resistenza del governo della Merkel a qualsiasi forma di mutualizzazione del debito.

Leggi anche > Cassa integrazione, la svolta

Scontro con il blocco tedesco da parte dell’Ue

FRANKFURT AM MAIN, GERMANY – MARCH 12: Christine Lagarde, President of the European Central Bank, speaks to the media following a meeting of the ECB governing board at ECB headquarters on March 12, 2020 in Frankfurt, Germany. The ECB is pursuing measures to counter the economic impact of the rapidly spreading coronavirus. The number of confirmed cases across Europe has reached 25,000. (Photo by Thomas Lohnes/Getty Images)

Il presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha già avvertito che, nonostante la resistenza di Berlino, il piano europeo dovrebbe includere sussidi non rimborsabili, una percentuale ancora da stabilire. E in una dura dichiarazione pubblicata questa domenica, Von der Leyen minaccia di avviare un fascicolo di infrazione contro la Germania a seguito della possibile esecuzione della sentenza della Corte costituzionale tedesca, che ha chiesto al governo e al parlamento del paese di controllare l’attività della BCE. Fonti comunitarie riconoscono che l’adattamento dei problemi sollevati dalla Germania o dai Paesi Bassi alle esigenze finanziarie della Spagna o dell’Italia si sta dimostrando molto difficile.

Leggi anche > Bonus 600, chi dovrà restituirlo

Il Parlamento Europeo (Getty Images)

La presentazione del piano, prevista per il 6 maggio, potrebbe essere rinviata al prossimo 20 maggio. E le stesse fonti aggiungono che la sentenza della Corte costituzionale tedesca ha ulteriormente annebbiato l’ambiente