Secondo l’Istat la nostra Industria è in caduta libera

Secondo il comunicato stampa di oggi dell’Istat la nostra industria ha avuto in marzo un crollo del 28,4% rispetto al mese precedente. Si tratta di un dato allarmante di per sè ma anche in quanto peggiore persino delle previsioni già non rosee.

Secondo l'Istat la nostra Industria è in caduta libera
Settore tessile (foto Pixabay)

A marzo la produzione industriale è diminuita del 28,4% rispetto a febbraio (del 29,3% se il dato è rapportato all’anno scorso in quanto nel 2020 c’è stato un giorno lavorativo in più).

Per capire appieno dove la crisi sta colpendo (più) duro è utile dare uno sguardo ai dati per tipologia di bene: “L’indice destagionalizzato mensile mostra marcate diminuzioni congiunturali in tutti i comparti; variazioni negative caratterizzano, infatti, i beni strumentali (-39,9%), i beni intermedi (-27,3%), i beni di consumo (-27,2%) e l’energia (-10,1%)”.

Leggi anche —>Via libera agli agriturismi nella fase 2

I settori più sofferenti della nostra industria

Secondo l'Istat la nostra Industria è in caduta libera
Ingranaggio (foto Pixabay)

Le “variazioni tendenziali negative” più rilevanti, secondo l’Istituto, sono quelle della fabbricazione di mezzi di trasporto (-52,6%), delle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (-51,2%), della fabbricazione di macchinari e attrezzature n.c.a. (-40,1%) e della metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (-37,0%).
Soffrono molto meno le industrie alimentari, bevande e tabacco (-6,5%).

I dati del settore tessile e quelli dei mezzi di trasporto “urlano” una situazione disperata.

Quest’anno il tessile-moda-abbigliamento che in Lombardia affonda le sue radici più salde (ma ne ha molte anche in Toscana, Emilia Romagna, Marche, Puglia e Veneto dove ci sono filiere più contenute ma comunque rilevanti), ha subìto un arresto vero e proprio.

E’ un anno nero per le sfilate, centri commerciali, collezioni, laboratori artigianali, negozi multimarca. Tutto sembra compromesso.
Quando non è stato azzerato è quantomeno stato ridotto.

Leggi anche —>Cercasi mascherine disperatamente

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Secondo l'Istat la nostra Industria è in caduta libera
Container (foto Pixabay)

Forse solo fette del settore terziario (servizi) hanno subìto danni peggiori.

Potrebbe interessarti anche —> I Contagi in Italia Regione per Regione aggiornati alle 19.00 dell’11 maggio 2020