Silvia Romano, “È una neo terrorista” e alla Camera scoppia il putiferio

Ancora attacchi per Silvia Romano. Alla Camera scoppia il caos, Il leghista Pagano è stato ripreso dalla vicepresidente della Camera Mara Carfagna

camera
Camera dei deputati (screenshot)

Silvia Romano è di nuovo nel mirino. Questa volta però le minacce e gli insulti provengono dalla Camera dei deputati. Il leghista Alessandro Pagano ha definito la ragazza: “la neo-terrorista“, scatenando così il putiferio. Emanuele Fiano (Pd), ha definito inaccettabili le parole di Pagano perché ha utilizzato l’Aula per “diffamare e calunniare una persona in termini di codice penale, una persona che è stata 18 mesi prigioniera dei terroristi”. Anche Carfagna ha ripreso Pagano. “Evidentemente – ha detto – l’onorevole Pagano se ne assume la responsabilità”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Silvia Romano: chiuso il profilo Facebook, troppo odio social

Silvia Romano, le accuse del leghista Pagano

silvia romano
silvia (foto dal web)

Ma perché è degenerata la situazione alla Camera? Alessandro Pagano, illustrando un ordine del giorno al decreto Covid, ha criticato il governo perché al funerale di un poliziotto morto per il coronavirus non era presente con nessun proprio rappresentante, poi ha aggiunto: “Quando è tornata una neo-terrorista, perché questo è El Shabaab, sono andati ad accoglierla”. Immediate le voci di protesta si sono levate dall’emiciclo. La notizia della liberazione di Silvia Romano, la giovane volontaria rapita in Kenya nel 2018 e ritrovata pochi giorni fa, sembra non convincere molte persone. A quanto pare però non solo gente comune che si diverte a screditare la ragazza e ad accusa il Governo per aver speso 4 milioni per il riscatto, ma anche i politici alludono a insulti e minacce.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Silvia Romano, orologio d’oro al polso: ma è una bufala

Silvia Romano (formiche.net)
ragazza volontaria (formiche.net)

La giovane si è convertita all’Islam e ha sottolineato più volte che durante il rapimento non è stata violentata, menata o obbligata a convertirsi. E’ stata una sua scelta che gli italiani dovranno rispettare, volenti o nolenti.