Usa: uomo positivo al Covid 19 ne contagia altri 52

Ecco come un uomo, positivo al Covid 19, ha contagiato altre 52 persone su 62 presenti nel coro di una chiesa: due sono morte.

Ordine degli psicologi Anche secondo il Guardian siamo arrivati al picco
Covid-19_pixabay

Negli Stati Uniti, un uomo positivo al Covid 19 ha contagiato altre 52 persone su 61 presenti in un coro della chiesa. A raccontare i dettagli di quanto accaduto a Mount Vernon, nello stato di Washington, è il Corriere della Sera che spiega come sia avvenuto il contagio.

Covid 19: un uomo positivo ne contagia altri 52, ecco come

chiesa-covid 19
Interno di una chiesa – Foto Instagram da https://www.instagram.com/p/CABEvzGpB-9/

Tutto è accaduto il 10 marzo scorso quando le persone che facevano parte di un coro s’incontrano, come ogni martedì, per provare. Il coro era formato da 122 persone, ma quella sera, se ne presentarono solo la metà. Tra le 61 persone presenti c’era anche un positivo al Covid 19. Due giorni dopo, 6 persone erano a letto con la febbre e, alla fine, come fa sapere il Corriere della Sera, su 61 persone presenti, 52 persone sono risultate positive.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE—>La mappa regione per regione dell’epidemia: i dati al 13 maggio

A raccontare la storia per la prima volta è stato il Los Angeles Times mentre ora uno studio dei Cdc (Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie) riportato dal New York Times ha dimostrato come la responsabilità delle persone coinvolte abbia evitato che il numero dei contagiati aumentasse. Le persone coinvolte, infatti, si sono subito isolate e il tracciamento dei contagi ha permesso di contattare tutte le persone che avrebbero potuto avere contatti con i partecipanti al coro. Un’azione fondamentale per evitare che il virus si diffondesse nel resto della comunità.

«Se non avessimo avviato il loro isolamento subito, ognuna di quelle persone ne avrebbe contagiate altre tre e avremmo visto un gigantesco cambiamento della nostra curva virale» ha fatto sapere al New York Times il dottor Howard Leibrand, agente sanitario della contea di Skagit.

Covid-19
Covid-19 (Getty Images)

Quanto accaduto negli Stati Uniti dimostra quanto sia facile il contagio. Il virologo Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario dell’Ospedale Galeazzi di Milano, in vista della riapertura delle chiese, previste per il 18 maggio, ai microfoni del Corriere della Sera, avverte: «Quelli riportati sono dati interessanti anche se servono conferme. Oggi, in vista delle riaperture delle chiese mi sento di suggerire agli eventuali coristi presenti di mantenere re un maggior distanziamento rea di loro».