Autocertificazione | dal 18 maggio rimarrà solo per spostamenti fuori regione

Il modulo per la autocertificazione rimarrà soltanto per spostarsi al di fuori di quella che è la propria regione di residenza.

autocertificazione
Presto la autocertificazione dovrebbe quasi del tutto sparire FOTO Getty Images

L’autocertificazione per giustificare gli spostamenti fuori casa dovrebbe sparire entro breve. Da lunedì 18 maggio infatti il modulo necessariamente richiesto negli ultimi due mesi e mezzo e da esibire ad ogni controllo delle forze dell’ordine verrà mantenuto solamente per certe occasioni.

LEGGI ANCHE –> Focolaio nell’Ospedale di Budrio: attivate misure per il contenimento

Per coloro che si muoveranno all’interno delle loro regioni di residenza, tale autocertificazione non sarà più richiesta. Rimarrà però per gli spostamenti al di fuori, almeno fino a tutto il mese di maggio. Il modulo liberamente scaricabile dal sito web ufficiale del Ministero dell’Interno prevedeva, nella sua ultima versione, di indicare una tra le seguenti motivazioni per spiegare il motivo del perché fossimo usciti di casa nonostante la quarantena in atto. Motivi di lavoro, salute, urgenza o visite a congiunti. Questa è l’intenzione del Governo anche se i governatori delle Regioni avranno facoltà di mettere in atto delle nuove disposizioni a seconda dell’indice di contagio fatto segnare all’interno del territorio da loro amministrato.

LEGGI ANCHE –> Le mascherine che svelano se si ha il Coronavirus

Autocertificazione, rimarranno le altre misure di sicurezza

L’obiettivo comune è restare il più possibile lontano dal valore di 1. Attualmente la media nazionale oscilla attorno a 0,6. Resteranno i divieti di assembramento sia negli spazi pubblici che in quelli privati ed occorrerà ancora uscire con mascherina e guanti e mantenere le distanze. Senza contare poi la messa in sicurezza delle attività pronte a riaprire o che hanno ricominciato a lavorare nei giorni scorsi. Tra le misure indicate, gli ingressi limitati ad un certo tot di individui per volta, poi lavoro su appuntamento, igienizzazione delle mani tramite dispenser appositamente installati e sanificazione degli ambienti.

LEGGI ANCHE –> Attilio Fontana: “Lombardia ha contenuto bene, siamo tra le migliori Regioni”

Per quanto riguarda le seconde case, permangono i divieti a recarcisi se esse sono ubicate in altre regioni. Si potrà farlo solamente per motivi legati a manutenzione o ristrutturazione delle stesse.