Decreto Rilancio: quando arrivano i soldi

Il Governo, per aiutare gli italiani, ha deciso di assegnare alcuni bonus tramite il Decreto Rilancio: ecco quando arrivano i soldi.

fase 2 bonus
soldi (Getty Images)

L’Italia continua ad affrontare l’emergenza coronavirus: i casi continuano ad aumentare (seppur a ritmo ridotto rispetto a qualche settimana fa) così come i decessi. Da qualche giorno, complice un trend in discesa, il Governo ha deciso di ripartire con la Fase 2: tantissime attività sono state riaperte e le misure restrittive sono state alleggerite. Il nuovo Covid-19, tuttavia, ha messo in ginocchio il sistema sanitario nazionale e ha scatenato una crisi economica mondiale senza precedenti. Il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, qualche sera fa, ha comunicato alla popolazione il ‘Decreto Rilancio’: il governo ha deciso di assegnare bonus e soldi per aiutare i cittadini nella ripartenza.

LEGGI ANCHE –> La mappa regione per regione dell’epidemia: il bilancio al 15 maggio 

Decreto Rilancio: quando arrivano i bonus previsti dal Governo

bonus
soldi (Getty Images)

Giuseppe Conte, in una lunga conferenza stampa in diretta da Palazzo Chigi, confermò il ‘Decreto Rilancio’ e spiegò i numerosi bonus previsti: bonus bici, bonus per babysitter, l’ecobonus, Reddito di Emergenza e bonus vacanze. Le modalità e le tempistiche non sono ancora chiare ma Conte ha promesso, almeno per i lavoratori in cassa integrazione, pagamenti in tempi rapidi. Per quanto riguarda il bonus per gli acquisti di bici effettuati dal 4 maggio 2020, le modalità di erogazione non sono ancora state comunicate. Situazione leggermente più complessa per i bonus baby sitter: al momento è possibile richiedere solo il bonus di 600 euro previsto nel precedente decreto ‘Cura Italia’. I soldi non vengono accreditati a chi ha fatto la domanda ma viene inviato un pagamento direttamente alla baby sitter. Per quanto concerne il bonus vacanza, sarà applicato direttamente dalle strutture uno sconto dell’80% per le famiglie che hanno un Isee inferiore ai 40mila euro. Il rimanente 20% sarà detratto nella dichiarazione dei redditi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Aggiornamento protezione civile, bollettino del 15 maggio: oltre 4mila positivi attuali in meno

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Stop a bollette e fisco come misura contro il down da coronavirus
Contatore e soldi (foto Pixabay)

Per il Reddito di Emergenza e per i bonus per le partite Iva bisogna attendere una circolare ufficiale dell’INPS. In attesa di comunicazioni, si ricorda che il ‘Decreto Rilancio’ è una maxi manovra da 55 miliardi.