Pippo Civati: età, carriera e vita privata del politico

Giuseppe Civati è un politico italiano, leader e fondatore del partito ‘Possibile’, nato nel 2015 dopo la sua uscita dal Partito Democratico. 

Pippo Civati (ravennanotizie.it)
Pippo Civati (ravennanotizie.it)

Da sempre uomo di sinistra, Giuseppe Civati detto Pippo è stato per lungo tempo un esponente di spicco del Partito Democratico che ha abbandonato dopo diversi contrasti con Matteo Renzi. Nel 2018 si è presentato alle elezioni politiche con un programma tutto suo fondando ‘Possibile’. Nel 2019 sembra allontanarsi dal mondo politico per dedicarsi alla sua casa editrice People salvo poi candidarsi alle elezioni europee con i Verdi. Pippo Civati è nato a Monza il 4 agosto 1975, si laurea in Filosofia e poi consegue un dottorato a Milano. Nel 1997 diventa consigliere comunale a Monza ed entra a far parte dei Democratici di Sinistra di cui diventerà membro della segreteria generale nel 2002. Diventa nel 2007 un esponente del Partito Democratico dove resterà fino a quando non entrerà in pieno contrasto con il segretario Matteo Renzi. Fino al giugno del 2015 resta nel gruppo misto fino alla fondazione del partito politico ‘Possibile’.

LEGGI ANCHE -> Corrado Formigli, chi è: età, carriera, vita privata del conduttore

Pippo Civati: vita privata, compagna e figlia

Pippo Civati (giornalettismo.it)
Pippo Civati (giornalettismo.it)

Giuseppe Civati ha una compagna di nome Giulia e una figlia Nina. La coppia vive ha Verona, una città che il politico di sinistra ama molto e in cui secondo Civati è ancora possibile passeggiare e incontrarsi tra le diverse classi sociali come una volta. Durante la trasmissione Un Giorno Da Pecora, Civati ha raccontato di quanto la sua famiglia gli abbia sempre consigliato di uscire dal PD.

LEGGI ANCHE -> Elena Sofia Ricci: Carriera, età e vita privata dell’attrice

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

Pippo Civati globalist.it
Pippo Civati globalist.it

La sua coerenza con le idee di sinistra viene data anche dal fatto che, nonostante la sua fuoriuscita dal Partito Democratico, appoggiò incondizionatamente la proposta poi divenuta Legge sulle Unioni Civili di Monica Cirinnà.