Tutto quello che cambierà da lunedì 18 maggio

Da lunedì 18 maggio ci saranno alcuni cambiamenti importanti, stando alla bozza del DL in esame al Governo: gli spostamenti all’interno delle regioni saranno liberi, ad esempio. Per uscire dalle regioni invece dovremo attendere l’imminente ponte del 2 giugno.

Tutto quello che cambierà da lunedì 18 maggio
Colline toscane (foto Pixabay)

Infatti questo è quanto previsto dallo schema di decreto legge ancora in bozza e su cui sta lavorando il Governo.

In particolare, dunque, gli spostamenti all’interno del territorio regionale potrebbero non essere soggetti ad alcuna limitazione già da lunedì 18 maggio.

Ovviamente saranno fatte salve le misure di contenimento più restrittive adottate dalle singole regioni.

In particolare, è molto probabile che le regioni più colpite, al fine di evitare un nuovo aggravamento della situazione epidemiologica, la c.d. “seconda ondata”, scelgano di contenere comunque i trasferimenti.

Leggi anche —>Conte, messaggio all’Italia sulla tenuta del Governo

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Da lunedì 18 maggio riapertura delle attività ma ancora vietati gli spostamenti fuori regione.

Tutto quello che cambierà da lunedì 18 maggio
Pc e tazza di caffè (foto Pixabay)

Le attività economiche e produttive saranno consentite anche se a condizione che i protocolli e le linee guida siano rispetatti.

Chi non rispetterà le norme contenute in linee guida e/o protocolli potrebbe essere costretto a sospendere l’attività.

Sarà ancora possibile, peraltro, che misure limitative delle attività economiche e produttive siano adottate, pur nel rispetto dei principi di adeguatezza e proporzionalità.

Tutto quello che cambierà da lunedì 18 maggio
Dolomiti (foto Pixabay)

Invece dal 3 giugno dovrebbe essere consentito spostarsi fuori dalla regione e forse, quindi, anche recarsi nelle località balneari.

Leggi anche —>L’estate 2020 senza respirazione bocca a bocca dei bagnini