Virus | il virologo Silvestri | “La sua intensità sta calando”

L’epidemia è in calo in quanto ad intensità. I numeri del virus nelle ultime settimane sono indicativi, secondo il noto virologo Silvestri. “Ma serve ancora comportarsi con responsabilità”.

virus
Il virus circola con minore forza secondo il virologo Silvestri FOTO Getty Images

Il virus sta colpendo con sempre minore intensità in Italia ma c’è ancora. Di giorno in giorno arrivano dati confortanti in tal senso, con il numero di contagi e di decessi in costante calo.

LEGGI ANCHE –> Fontana: “Non ci sono dubbi che le infezioni in questi giorni aumenteranno”

Nello specifico, da 34 giorni di fila scendono i ricoveri in terapia intensiva, come afferma il virologo Guido Silvestri, docente all’Università di Atlanta negli Stati Uniti. Silvestri riferisce che il picco di contagio appare lontano dal valore 1 che va assolutamente evitato. E continuano a scendere anche i ricoveri totali in ospedale, che restano a più di diecimila (10.400 ma in calo di 392 unità). E domenica 17 maggio 2020 c’è stato anche il numero più basso di vittime: 153. Il valore minore in assoluto da due mesi a questa parte.

LEGGI ANCHE –> Fase 2 e ripartenza, il ristoratore Commisso racconta l’esperienza della Nautica

Virus, il virologo Silvestri: “La sua intensità appare in calo”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

❌ Nuova ordinanza Regione Lombardia. La Lombardia riapre le attività. In un quadro di equilibrio fra necessità della vita economica e tutela della salute pubblica avremo regole più severe rispetto ad altre regioni. Manteniamo alta la guardia. Alla fine di questa settimana sperimentale, valuteremo con i nostri tecnici i risultati raggiunti insieme. È indispensabile, anche in questa delicata fase di ripresa economica, mantenere tutti quei comportamenti virtuosi che ci hanno consentito, pur avendo dovuto affrontare uno tsunami, di far tornare nella media nazionale gli indici di diffusione del contagio. I Lombardi sono determinati a non rendere vani i sacrifici che fino ad oggi hanno dovuto affrontare: siate consapevoli che questa sfida per ritornare alla “nuova normalità” verrà vinta con l’attenzione e il buon senso di noi tutti. In Lombardia dal 18 maggio possono aprire le attività di: 🏛️ Musei 🍽 Ristoranti ☕️ Bar ✂️ Parrucchieri 💅 Estetisti E molte altre attività commerciali. ⛪️ Riaprono anche le funzioni religiose Particolarmente rilevanti i provvedimenti più restrittivi: ⚠ Obbligo di utilizzo della mascherina. 🌡Monitoraggio della temperatura dei dipendenti da parte dei datore di lavoro. 🌡Monitoraggio della temperatura per i clienti dei ristoranti. Riapriranno dal 31 maggio: 🏋🏻 Palestre 🏊🏻‍♀️ Piscine Dal 18 maggio decadono le limitazioni alla circolazione entro il territorio regionale.

Un post condiviso da Attilio Fontana (@fontanaufficiale) in data:

Vietato abbassare la guardia

Tutto questo lascia pensare che, continuando a mantenere un atteggiamento responsabile anche dopo le riaperture del 18 maggio, potremmo riuscire a limitare possibili contagi di ritorno che Governo e comitato scientifico hanno messo in preventivo. Sempre il virologo Silvestri riferisce quanto segue. “Se il 97.5% dei casi di Covid-19 sviluppa la malattia entro 11.5 giorni dal contagio,si sarebbe già dovuto osservare un certo cambiamento della curva. Staremo comunque a vedere nei prossimi giorni”.

LEGGI ANCHE –> Smart Working: successo o insuccesso? Gli effetti del lavoro da remoto

I numeri forniti da Silvestri sono frutto anche di uno studio condotto sugli Annals of Internal Medicine.