Coronavirus, attacco dei Cinque Stelle alla Camera alla Lombardia: la Lega non ci sta

Coronavirus, seduta della Camera infuocata: i Cinque Stelle attaccano la Lombardia, la Lega non ci sta e risponde, scoppia la bagarre

Camera Coronavirus
La Camera dei Deputati (Getty Images)

Momenti di grande tensione alla Camera dei Deputati, dopo l’informativa di oggi del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Il deputato Cinque Stelle Riccardo Ricciardi ha attaccato duramente l’operato della Regione Lombardia nella gestione della sanità che ha portato a gravi effetti nell’emergenza coronavirus. La replica dei deputati della Lega non si è fatta attendere, fasi concitate di dibattito con il Presidente della Camera Roberto Fico che ha dovuto sospendere la seduta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Gori e Fontana: è scontro tra i due. Continua il botta e risposta

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Il premier Giuseppe Conte: “Non è il tempo dei party e delle movide”

Camera, Salvini ai Cinque Stelle: “Sciacquatevi la bocca”

Matteo Salvini Camera Coronavirus
Matteo Salvini (Getty Images)

La critica di Ricciardi è stata molto dura, citando l’operato di Formigoni e le privatizzazioni selvagge nella sanità locale. “Il modello della Lombardia ha portato a 25mila tagli nei posti letto nel settore pubblico – ha affermato – Avete regalato soldi ai privati, non accettiamo lezioni da voi”. Diversi deputati della Lega sono insorti urlando ripetutamente ‘buffone’ all’indirizzo di Ricciardi, abbassandosi le mascherine per protestare e colpendo i banchi a suon di pugni. Inutili i richiami di Fico all’ordine, la seduta è stata sospesa. Secondo alcuni dei Cinque Stelle, un esponente della Lega avrebbe anche rotto un microfono.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Lo pneumologo De Donno indignato del comportamento degli “scienziati”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Il vaccino anti-Covid non sarà obbligatorio ma si rischiano limitazioni

Caustico il commento di Matteo Salvini: “I grillini devono sciacquarsi la bocca prima di parlare della sanità lombarda. Stiamo facendo tutto il possibile, alle loro infamie risponde il dottor De Donno. Lasciateci lavorare in pace”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter