Primi controlli nelle fabbriche venete: “Non ci sono stati contagi tra colleghi”

Prima tra le regioni italiane, il Veneto ha deciso di eseguire alcuni controlli nelle aziende, così da capire la situazione: non ci sono stati contagi tra colleghi al lavoro. 

smart working
Foto Instagram da https://www.instagram.com/p/B9NNvJKo9nv/

Con l’allentamento delle misure restrittive e la ripresa dell’attività lavorativa, uno dei primi problemi da affrontare per scongiurare una nuova diffusione dei contagi è evitare che il virus possa trasmettersi tra colleghi al lavoro. In Veneto è stata presa la decisione di eseguire i test del tampone faringeo agli operai delle fabbriche. La task force guidata dalla dottoressa Francesca Russo, capo del dipartimento prevenzione della sanità regionale, si è occupata di eseguire i primi controlli in 9 aziende scelte a Padova e provincia, dove c’è stato il primo focolaio del Veneto. Di queste 9, 7 non hanno avuto alcun dipendente contagiato, mentre nelle altre strutture sono state trovati 4 lavoratori positivi. Le aziende messe sotto osservazione sono attività di medie e grandi dimensioni. Delle 9 esaminate, 8 non hanno mai chiuso durante la quarantena, perché fanno parte della categoria dei servizi essenziali. Positivi al test sono risultati invece 4 lavoratori, 3 dei quali appartenenti all’azienda “Isoclima”, rimasta chiusa durante la quarantena. Da questo dato si è evinto il sospetto che a rischiare il contagio siano stati più i dipendenti costretti a casa rispetto a quelli che hanno lavorato anche durante il lockdown.

LEGGI ANCHE -> Il vaccino anti-Covid non sarà obbligatorio ma si rischiano limitazioni

Niente contagi tra gli operai della fabbrica in Veneto

impresa

Il professor Michele Mongillo ha sottolineato che su un campione di operai sono stati fatti i 3 test a disposizione: il test del tampone faringeo, il test sierologico tramite prelievo venoso e il test rapido pungidito.

LEGGI ANCHE -> Pandemia, come e quando finisce? Le risposte di Corbellini

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter 

Le startup del momento
Avvio di impresa (foto Pixabay)

“Su 42 lavoratori a cui abbiamo fatto i 3 test – commenta il professore -, 22 sono risultati positivi al sierologico rapido. Dal test sierologico tradizionale, gli stessi 22 sono risultati negativi e lo stesso esito negativo ha dato il tampone”.