Riaperture, per la Spagna l’Italia sta correndo troppo

Riaperture, per la Spagna l’Italia corre troppo. Secondo l’esecutivo Conte si sta affrettato ed è meglio, invece, consolidare la riduzione dei contagi

foto dal web

Dall’inizio della crisi del coronavirus , la Spagna ha seguito le orme dell’Italia a distanza di una settimana. La chiusura delle scuole, la dichiarazione dello stato di allarme, l’arresto del settore … tutto è stato misurato. In Italia iniziò il contagio europeo. L’ipotesi del governo è che da lì è saltato in Spagna sui 70 voli settimanali che aveva con il paese vicino fino a quando non sono stati tagliati. Il contatto tra i due Premier è molto fluido. Hanno parlato molto a tutti i livelli, politico e tecnico, compresi i team che hanno preparato i rispettivi piani di riduzione del contagio. Ma questa volta non andranno di pari passo. L’Italia ha già ripreso quasi tutte le attività all’interno del Paese e il 3 giugno aprirà le frontiere ai turisti europei. La Spagna non prevede di consentire neanche movimenti interni fino alla fine di giugno.

Leggi anche > Orgoglio italiano, 22 miliardi dalle famiglie

Riaperture, per la Spagna l’Italia corre troppo

fase 2
fase 2 (Getty Images)

La pressione di un settore chiave in entrambi i paesi è enormeIl governo italiano ha deciso di assumersi dei rischi per non sprofondare ulteriormente. Lo spagnolo no. L’assistenza sanitaria non ha intenzione di consentire agli spagnoli di spostarsi tra le province fino a luglio e scommette su una stagione estiva che inizierà in ritardo e si concentrerà sul turismo nazionale.

Leggi anche > Virus, per le donne rischio passi indietro

Compagnie aeree
foto dal web

 La riapertura delle frontiere non ha data e, di fatto, è stata imposta una quarantena di due settimane per le persone che arrivano dall’estero quando l’esecutivo ha rilevato che alcuni viaggi dall’estero erano già organizzati per giugno. La Spagna segue la linea più dura dell’Europa meridionale. E non è un caso.