Gli effetti del coronavirus, le foto prima e dopo l’intubazione

Sono le foto di Mike Schultz, infermiere 43enne di San Francisco, che mostrano i segni evidenti sul suo corpo del coronavirus: “Ecco cosa significa stare un mese intubato”

Coronavirus
(foto dal web)

Le foto parlano chiaro e non hanno bisogno di commenti. Mostrano gli effetti disastrosi che il coronavirus è in grado di fare sul corpo degli uomini. A documentarlo, se ancora non si fosse capita l’intensità del Covid-19, è Mike Schultz, infermiere 43enne di San Francisco. Con un collage di due foto che espongono il prima del contagio e il dopo, mostra come il suo corpo è cambiato.

Mostra su Instagram tutta la sofferenza ed i colpi che ha dovuto incassare dopo oltre un mese in ospedale, ma non se ne vergona. Anzi lo ha voluto fare per dare la sua testimonianza. “Con il mio post volevo dimostrare che può succedere a tutti – ha detto l’infermiere – Non importa se sei giovane o vecchio o se hai condizioni mediche preesistenti, può comunque colpirti“.

Un monito a chi, ancora è scettico o pensa che il virus che sta flagellando il mondo colpisca solo gli anziani e le persone ammalate. Nient’affatto e Mike Schultz lo ha messo nero su bianco.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale su gossip, news, televisione e spettacolo, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Gli effetti del coronavirus, il monito di Mike Schultz

Coronavirus intubato
GettyImages

Con le sue due foto Mike Schultz ha raccontato il prima e il dopo il coronavirus. Ha confrontato due scatti che lo ritraggono quasi irriconoscibile rispetto a prima di contrarre il virus. Ma l’infermiere non si vergogna di mostrare come il suo corpo è cambiato in seguito alla battaglia vinta contro il Covid-19.

LEGGI ANCHE ->Laura Pausini e la Fase 2: una mascherina davvero particolare – FOTO

Il suo intento è far vedere chiaramente gli effetti e l’impatto del Covid-19 sul corpo. Le due foto mostrano Mike Schultz visibilmente dimagrito e provato. Durante la malattia e il ricovero ha perso ben 23 chili. La prima è stata scattata un mese prima che l’infermiere contraesse il virus. La seconda, invece, dopo un mese e mezzo di ricovero in ospedale, di cui 30 giorni d’intubazione.

Volevo mostrare a tutti quanto possa essere duro stare intubato per settimane – ha scritto il 43enne su Instagram – Il coronavirus ha ridotto le mie capacità polmonari, ma ora divento ogni giorno più forte. Tornerò quello di prima”.

LEGGI ANCHE ->Covid 19, effetti sul Festival di Sanremo: Amadeus e Fiorello preoccupati

Caldo e coronavirus
(GettyImages)

Ha sofferto molto ma ora è pronto a ripartire Mike Schultz che ha lanciato un messaggio importante rivolto ai giovani e non solo. “Pensavo di essere abbastanza giovane da farla franca, e so che molta gente pensa la stessa cosa” ha ammesso.