Vaccino, Ascierto: “C’è la data per il Pascale-Cotugno”

L’oncologo che lavora presso l’ospedale di Napoli ha spiegato che in autunno si inizierà la fase di studio per il vaccino che sarà a disposizione non prima di giugno 2021

Vaccino
(GettyImages)

In Campania, a ottobre-novembre, inizieremo come Pascale-Cotugno lo studio per poter avere un vaccino a disposizione, probabilmente, per giugno 2021”. Questo l’annuncio di Paolo Ascierto, oncologo dell’Istituto dei tumori “Fondazione Pascale” di Napoli che da mesi è in prima linea per combattere il coronavirus.

È lui, infatti, uno dei fautori della sperimentazione del farmaco Tocilizumab sui pazienti affetti da coronavirus iniziata già da marzo in collaborazione con l’ospedale partenopeo Cotugno. Un’arma potente ma che mitiga gli effetti del virus e non lo ferma. Lo ha spiegato proprio l’oncologo nel corso di una videoconferenza nella sede della Regione Campania. “Il Tocilizumab funziona sulla complicanza data dall’infezione – ha detto – ma non agisce sul virus, quindi poter andare a colpire e addirittura prevenire il virus è ancora più importante”.

Oltre i farmaci, anche il vaccino. A Napoli si lavora anche su questo fronte. “Stiamo cercando di sviluppare un vaccino con un progetto che non nasce dal nulla” ha spiegato lo specialista.

Con la Takis, l’Istituto Pascale sta sviluppando un vaccino per il melanoma che colpisce la proteina spike, quella che si lega ai ricettori e infetta l’organismo.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Vaccino, il punto della situazione al Pascale

Vaccino coronavirus
(GettyImages)

Sul vaccino si sta lavorando anche al Pascale di Napoli dunque. L’impegno c’è ma i risultati non saranno immediati. Ascierto lo chiarisce subito. “Al momento stanno facendo lavori sul topo e si è visto che danno origine a un’importante quantità di anticorpi protettivi”.

LEGGI ANCHE –> Virus estate | la buona notizia | “Non è presente nell’acqua di mare”

Per arrivare all’uomo non ci vorrà molto, dice l’oncologo, ma poi precisa che non ci si muoverà prima di ottobre-novembre. Un momento importante questo: “A ottobre-novembre, come Pascale-Cotugno inizieremo in Campania la fase di studio per poter avere un vaccino a disposizione probabilmente per giugno 2021”.

Ci vorrà dunque un anno per Napoli prima di poter arrivare ad avere un vaccino da distribuire. Nulla di nuovo. Anche in questo caso si conferma il fatto che vaccinarsi contro il coronavirus non sarà immediato.

LEGGI ANCHE –>La movida non si arrende. E il virus continua a circolare

Vaccino coronavirus
(GettyImages)

E Ascierto lo conferma: “I tempi non sono brevi ma lunghi, ecco perché è ancora importante fare attenzione”.