Sardegna e Milano, è scontro. Solinas a Sala: “Stai zitto!”

Sardegna e Milano, è scontro istituzionale: L’isola istituzionalizza’ la richiesta dei test sierologici per i turisti. Sala: “Me ne ricorderò”

Sala scuole progetto per aiutare genitori
Giuseppe Sala (Getty Images)

Volano parole grosse tra i rappresentanti istituzionali di Sardegna e Milano. La questione sullo sfondo è la mobilità tra regioni con il probabile arrivo sulle aree del Sud. Nel Mezzogiorno dove il contagio sta decisamente scemando un po’ ovunque, si ha il timore che dalla Lombardia, in particolare, possano arrivare contagiati per trascorrere le vacanze. Il sindaco di Milano chiede decisamente che i milanesi tornino a viaggiare in tutta Italia, basandosi sul calo dei contagi. I numeri sono calati ma in Lombardia, in realtà, restano comunque alti con differenze enormi rispetto al resto del paese. Il governo, per il 3 giugno, ha in mente di confermare quanto previsto. Decidere di aprire la mobilità tra regioni differenziando qualora i numeri fossero diversi. Stando a quanto dichiarato dal governo in più di una occasione, Lombardia e Piemonte dovrebbero restare ancora escluse dalla mobilità interregionale.

Leggi anche > Seul, nuovo picco di contagi

Sardegna-Milano è scontro

Il Passaporto sanitario: come funziona e cosa c'entra con le nostre vacanze
Sardegna (foto Pixabay)

Proprio questa esclusione nell’aria non viene accettata dalle istituzioni lombarde che premono a non finire. Mentre il Piemonte attende in silenzio le decisioni del governo che si basano sui dati, e non certo su schermaglie di altra natura che vanno lasciate a certa cattiva stampa, la Lombardia non ci sta. Loro non vogliono in alcun modo che si resti indietro rispetto al resto d’Italia e premono sul governo in questi giorni decisivi. Sono queste le ore in cui il governo deciderà cosa fare dal 3 giugno. Così, nell’incertezza alcuni governatori cercano di premunirsi. La Sardegna, così, vuole istituzionalizzato test sierologici per i lombardi che arrivano in Regione.

Leggi anche > Boccia, il passaporto sanitario è incostituzionale

Solinas – foto dal web

Questo ha sollevato l’ira del sindaco milanese Sala che molla per un attimo l’appartenenza ad un partito democratico e spara un secco: “Me ne ricorderò“. La risposta del governatore sardo Solinas non si è fatta attendere: “Faceva gli aperitivi, abbia la decenza di stare in silenzio”.