Perno sul coronavirus: “Il pericolo è ancora tra noi!”

Il virologo Perno invita alla massima prudenza e a non diffondere disinformazione sulla scomparsa del virus tra la gente

Perno virus
Carlo Federico Perno (foto dal web)

L’epidemia da Coronavirus ha subìto un’evoluzione positiva nell’andamento della curva del contagio. L’infezione sembra aver perso l’attrito, ma “guai a considerarlo per morto” – sostiene fermamente il virologo Perno.

Bisogna immaginare la situazione come un vulcano spento o una fornace irta di alcool etilico ma priva di materiale infiammabile. Il virus è lì che attente, potrebbe essersi preso una pausa, “ma non crediamo assolutamente che ce ne siamo liberati definitivamente” – chiosa Perno.

La nuova realtà alla quale la popolazione si sta adattando sembra stia prendendo una brutta piega. I dati delle ultime settimane sembrano far dormire sonni tranquilli, ma è vietato croggiarsi su questo aspetto, tra l’altro scientificamente non provato nei laboratori di ricerca.

LEGGI ANCHE —–> Virus, le pillole di ottimismo del virologo Guido Silvestri

L’esperimento a campione dell’ospedale di Niguarda

Perno virus
Coronavirus FOTO Getty Images

Il deperimento dell’alta carica virale del nemico si deve ad una consapevolezza che ha segnato terribilmente un destino diverso,inaspettato, mai annunciato prima dell’inizio dell’anno solare. L’indebolimento del coronavirus è probabilmente dovuto ad una maggiore maturità e prontezza nell’affrontare la situazione.

Prendersi cura di se stesso, adottare le precauzioni del caso come l’utilizzo delle mascherine e il distanziamento sociale hanno aiutato a tenere bassa la frequenza del virus. “Anche lo straordinario lavoro dei medici” – racconta Perno -, sta dicendo la sua sui meriti per aver individuato rimedi sanitari e farmacologici in grado di respingere il nemico, “ma attenzione, non sconfiggerlo!”.

La testimonianza la si deve ad un laboratorio dell’ospedale di Niguarda a Milano dove una squadra di medici, capeggiati dal virologo Perno ha messo in piedi un lavoro certosino su un campione di 400 sequenze del virus.

LEGGI ANCHE —–> Covid-19, il presidente dei virologi: “Infezioni molto leggere”. La scoperta

Perno virus
laboratorio ricerca – Foto Getty Images

Il risultato della ricerca scientifica non ha testimoniato alcuna fase di indebolimento del coronavirus, ma cementificato uno sviluppo diagnostico ormai all’avanguardia dopo lo shock iniziale della pandemia.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale , seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter