Gasperini: “Ho avuto il Covid-19 e ho pensato alla morte”

Il tecnico dell’Atalanta, Gian Piero Gasperini, ha raccontato di aver avuto il coronavirus: “Ho avuto paura. Oggi mi sento ancora più bergamasco”.

Gasperini (GettyImages)
Gasperini (GettyImages)

Gian Piero Gasperini, il tecnico dell’Atalanta, durante un’intervista alla ‘Gazzetta dello Sport’ ha rivelato di avere avuto il Covid-19: “Ho avuto paura. Il giorno prima della partita contro il Valencia stavo male, il pomeriggio del giorno della gara. Era il 10 marzo. Le due notti successive a Zingonia ho dormito pochissimo. Non avevo febbre ma mi sentivo a pezzi come se avessi 40 di temperatura. Lì vicino c’è un ospedale. Sembrava di essere in guerra. Pensavo: ‘se vado lì dentro, cosa mi succede? Non posso andarmene ora, ho tante cosa da fare.’ Lo dicevo scherzando. Ma lo pensavo davvero. Sabato 14 ho fatto un allenamento duro: più di 10 chilometri di corsa. Mi sono sentito bene, molto forte. Il peggio era passato. Non ho mai avuto febbre e non ho mai fatto il tampone. Dieci giorni fa i test sierologici però hanno confermato che ho avuto il coronavirus. Ho gli anticorpi ma non vuol dire che ora sono immune”.

LEGGI ANCHE -> Coppa Italia: Milan, Inter e Juve su tutte le furie per le date

Gasperini: “Bergamo è triste e dignitosa”

Gian Piero Gasperini (GettyImages)
Gian Piero Gasperini (GettyImages)

“Come vedo Bergamo? – Continua Gasperini Triste e dignitosa. Una tristezza profonda che respiri dovunque, per strada, negli occhi della gente, nei bar che tardano a riaprire, nei silenzi del mio collaboratore che ha perso suo padre. Tutti vanno avanti con molta forza e con un dolore composto”.

LEGGI ANCHE -> Serie A e Coppa Italia, c’è il calendario del ritorno in campo

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

Gian Piero Gasperini (GettyImages)
Gian Piero Gasperini (GettyImages)

“Ci vorranno anni – conclude il tecnico bergamasco per capire che cos’è successo davvero perché è qui che c’è stato il centro del male. Il picco di felicità sportiva è coinciso con il dolore più grande della città. Oggi mi sento ancora più bergamasco”.