Covid-19, l’infettivologo Sani: “Il virus è sempre lo stesso”

Covid-19, gli esperti continuano a prendere parte a due fazioni completamente opposte: per l’infettivologo Sani, ad esempio, il virus non si è assolutamente attenuato ed è sempre lo stesso.

treviso
ospedale (getty images)

L’Italia continua ad affrontare l’emergenza coronavirus: nonostante il trend in discesa, il numero delle vittime al giorno resta piuttosto alto. Gli esperti stanno lavorando intensamente per mettere a punto una cura efficace e per fronteggiare al meglio il Covid-19. Nonostante ciò, ci sono due filoni di pensiero totalmente contrapposti: da un lato ci sono virologi come Zangrillo che parlano di un’attenuazione del virus mentre dall’altro ci sono esperti che non condividono la posizione e continuano ad essere negativi. L’infettivologo Sani, ad esempio, ha rilasciato alcune dichiarazioni in cui ha spiegato che il virus è sempre lo stesso e che il livello di attenzione deve restare alto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Bassetti rivela: “Il Covid a marzo era una tigre assassina, oggi è un gatto selvatico addomesticabile”

Covid-19, le parole dell’infettivologo Sani

paziente ricovero
Ospedale Del Mare – Ponticelli (foto dal web)

Spartaco Sani, primario delle malattie infettive dell’ospedale di Livorno e responsabile delle malattie infettive per l’ASL Toscana nord ovest, ha rilasciato alcune dichiarazioni in cui ha cercato di spiegare il punto della situazione. “Al di là delle diverse dichiarazioni, a mio avviso azzardate, sul fatto che il virus si sarebbe attenuato, mi preme ribadire che il virus è sempre lo stesso e continua ad essere in grado di produrre gli stessi danni che ha causato fino ad oggi”. Secondo l’esperto, l’arma che ha funzionato in questi mesi è stato il lockdown. Il virus ha rallentato la sua corsa grazie alle misure restrittive imposte dal Governo italiano.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Fase 2: il 28% delle imprese che hanno riaperto rischia di chiudere 

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Primario Ospedale fase 2

Il dottore è contrario al parere dell’Oms, che ha bocciato l’uso dell’iidrossiclorochina e dell’eparina. Per Sani, invece, l’utilizzo di questi farmaci è molto importante soprattutto nella prima fase della malattia, per evitare peggioramenti.