Bonus 100 euro e riforma fiscale in arrivo, quali sono le novità

A luglio arriva il bonus 100 euro e la busta paga per i lavoratori sarà più alta. Intanto il Governo parla di una riforma fiscale

bonus riforma fiscale
soldi (pixabay)

Da luglio le cose cambieranno. O almeno così sarà per molti lavoratori che passeranno da un busta paga bassa ad un bonus di più soldi. Da molti mesi si parla di un cambiamento fiscale ma quali saranno e modalità? Il mese prossimo entrerà in vigore la misura approvata lo scorso gennaio con il decreto sul taglio del cuneo fiscale che prevede più soldi e meno tasse ai lavoratori dipendenti. Il bonus si baserà su criteri diversi a seconda del reddito. Chi usufruisce già del bonus Renzi avrà diritto ad una somma di denaro più alta, da 80 a 100 euro.  Anche chi ha un reddito di 28mila riceverà 100 euro pieni. Oltre tale soglia l’importo scende fino a toccare quota 80 euro per i redditi di 35mila euro per poi azzerarsi a 40mila.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>L’estate ai tempi del coronavirus: le norme da seguire per andare al mare

Bonus e riforma fiscale: le ipotesi

riforma fiscale bonus
conte (getty images)

Oltre al bonus, il Governo torna a parla di una ipotetica riforma fiscale. La vice ministra dell’Economia Laura Castelli annuncia su un post Facebook: “Come ha ribadito Giuseppe Conte, attraverso una organica revisione del fisco arriveremo ad una reale progressività – scrive – nel rispetto della Costituzione, al contrasto all’economia sommersa e porteremo il paese nelle condizioni di abbassare le tasse. Perché pagando tutti, tutti pagheremo di meno”. Continua: “Vi ho parlato della necessità di ridurre le tasse e di sostenere le imprese – spiega – anche attraverso una fiscalità di vantaggio importante, partendo dal Sud.  – sottolinea – Sono contenta che siano priorità indicate, durante la conferenza stampa, dal Presidente del Consiglio”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Bonus casa 2020, in quali casi è previsto lo sconto del 110%

bonus riforma fiscale
premier (getty images)

Già prima dell’emergenza covid-19, il governo aveva pensato all’idea di rimodulare le fasce di reddito Irpef.