In Germania parte un super piano di rilancio dei consumi

In Germania parte un grande piano di rilancio dei consumi. Sono previsti interventi importanti quali la riduzione dell’Iva e un bonus di 300 euro per ogni figlio.

In Germania parte un super piano di rilancio dei consumi
Francoforte (foto Pixabay)

Angela Merkel ha parlato di “Der Wumms”, cioè, un boom o big bang.
E in effetti gli strumenti che intende mettere in campo il governo tedesco con il piano di rilancio dei consumi appaiono davvero importanti.

Si tratta di una maxi-manovra 130 miliardi, consistente in un pacchetto “per la congiuntura” che avrà termine alla fine del 2021 e che è composto da aiuti in denaro ma anche misure indirette.

Tra questi cattura l’attenzione la diminuzione dell’Iva andrà dal dal 19% al 16% e dal 7% al 5% per sei mesi, dal primo luglio al 31 dicembre 2020.

Leggi anche —> Germania, arriva un nuovo focolaio: decisione inattesa della Merkel

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Tutte le misure del pacchetto di rilancio dei consumi in Germania

Oltre al significativo taglio dell’Iva, il Governo tedesco taglierà i costi dell’elettricità per famiglie e imprese, oltre a un incentivo consistente in una diminuzione delle tasse per le centrali elettriche verdi.

Ma ci saranno anche gli investimenti dello stato (50 miliardi) per l’econonomia sostenibile, la rete ferroviaria e i trasporti locali.

Le famiglie saranno sostenute con bonus consistenti: si tratta di 300 euro a filgio che salgono a 600 euro nei casi che richiedono maggiore supporto.

Infine, sono previsti aiuti alle imprese. Si tratta di 25 miliardi e saranno destinati soprattutto alle Pmi.

Leggi anche —> Germania, bevande analcoliche avvelenate: l’indagine della polizia

In Germania parte un super piano di rilancio dei consumi
Colonia (foto Pixabay)

Intanto, il nuovo focolaio a Gottinga, in Bassa Sassonia, fa temere che sia necessario un nuovo lockdown. Sono iniziati i tamponi “di massa” nei confronti di almeno 600 abitanti di un grande palazzo e sono risultate positive almeno 120 persone.