Irama vince Amici Speciali: il monologo per George Floyd commuove l’Italia

Irama vince Amici Speciali: il suo monologo sul razzismo commuove e sorprende l’Italia, portandolo alla vittoria

Irama, il “ragazzino delle hit estive”, ha vinto Amici Speciali e ha dimostrato di non essere soltanto questo, ma un artista versatile e pieno di sorprese. Filippo ha fatto vedere di cosa è capace durante queste quattro serate dove i più grandi colossi del programma di Maria De Filippi, hanno avuto l’opportunità di scendere di nuovo in campo per una buona causa. Si è messo in gioco tutti i venerdì sera, portando cose nuove, sperimentando, provando, rischiando e conquistando sempre un po’ di più il cuore dei giudici che sono rimasti sorpresi nel vedere tanto potenziale. E ieri sera il suo talento è esploso in un monologo che ha lasciato tutti senza fiato: un discorso dedicato a George Floyd e al Black Lives Matter. Alla fine tutti i presenti in studio si sono sollevati in una standing ovation mentre l’artista stava lì seduto, atterrito e con le lacrime agli occhi. Un’immagine fortissima e potente, che ha rotto il muro di un silenzio che è rimasto tale troppo a lungo.

Irama vince Amici Speciali e omaggia George Floyd: il testo del monologo sul razzismo

I CAN’T BREATHE

“Non riesco a respirare
e non me ne sono mai accorto
è assurdo respirare, ci pensi mai?
Non ce ne accorgiamo nemmeno mentre lo facciamo
certo ora che te l’ho detto ci fai caso, è quasi scomodo
pensaci, non è più così naturale, te lo devi ricordare

Come quando sei nel letto, con lei
e va be’, inizi a fare l’amore
il respiro affannato di due amanti che si stringono
l’uno nell’altro come i polmoni
certo è automatico
dovessi anche pensare a respirare mentre stai facendo l’amore
sarebbe un casino
che figata, che figata il respiro, in un bosco
oh anche le piante respirano, o il mare
quando sei davanti al mare, il respiro del mare
ma che ca**o di polmoni deve avere il mare
per respirare così forte?
però lo capisco
certo oh anche io, oh io sono un cantante
io il respiro lo rubo in quel momento ne ho più bisogno io di te
anzi tu, tu mi rubi il respiro
come credi che riesca a prendere quella nota così in alto
senza fiato
no, e a te cosa serve in quel momento, anche tu respiri
ma lo sai perché respiri?
ma tu cosa respiri a fare?

Perché qualcuno ti ha dato la possibilità di respirare
togliendola a qualcun altro?
ma spiegami: chi ca**o decide chi deve respirare e chi non deve?
Ma lo sai per cosa respiri? Lo sai che non basta respirare per essere uomini?
Io il mio respiro lo sputo in faccia a chi mi dice che non posso respirare
Io non sono come te
Io non sono un vigliacco, io non nascondo il mio inutile respiro
dietro uno stupido telefono, io non gli schiaccio la testa sull’asfalto
a come lo chiamate, un negro, mentre sua madre lo sta cercando piangendo
mentre urla il suo nome a perdifiato e lui ruba il suo ultimo respiro
per dire “Mamma!”

Io non sono un negro come lui ma respiro come lui
adesso io piango con lui
adesso io sono lui
adesso non uccidermi”

 

Leggi anche >>> ELODIE FRA SUCCESSI E ATTACCHI DEGLI HATERS: “SEI INSULSA E INUTILE”

Dopo aver vinto, l’artista ha teso la mano verso il secondo classificato, Michele Bravi, che è tornato sul palco a fare musica dopo tanto tempo di silenzio. “Onorato di averla condivisa con te”.

 

 

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter