Usa, arriva un nuovo video che lascia senza parole

Usa, il nuovo video sciocca tutti: un afroamericano ucciso da agenti di polizia. Ecco cosa è successo secondo le ricostruzioni del New York Times

usa
Stati Uniti (pixabay)

Negli Usa esce un nuovo video che sciocca gli americani. Si tratta di un afroamericano morto dopo essere stato fermato da alcuni agenti a Tacoma, nello stato di Washington. L’episodio risale al 3 marzo e secondo il New York Times, il video sarebbe stato girato da una donna che si trovava dietro la macchina della polizia. Dalle prime indagini risulta che gli agenti hanno infierito sulla vittima, dopo essere stato scaraventato a terra.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Milano, rissa tra la movida. Un giovane è stato ferito

Usa, il video che lascia senza parole gli americani

usa
Americani (getty images)

Un video che lascia tutti senza parole. Eppure secondo la polizia è stato l’uomo ad aggredire i poliziotti. Ma il filmato parla chiaro. Anzi si sente anche urlare:” “Smettetela di colpirlo, o mio Dio smettetela”. Questo è l’ennesimo evento che si aggiunge alla bufera contro Donald Trump. Il presidente degli Usa non si ferma e provoca: “Non inginocchiatevi”: è il monito di Donald Trump su Twitter, a proposito del gesto simbolo di chi manifesta contro il razzismo e la violenza della polizia. Nato sui campi di football americano come forma di protesta da parte di alcuni giocatori, viene visto dal presidente come un gesto irriverente contro l’inno nazionale e la bandiera. Ci sono molti altri modi per protestare”, ha affermato Trump.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Un gatto tiene prigioniera la padrona: sembra un film horror

‪Trigger Warning: Fatal Police Brutality‬‪Video of Manuel Ellis being beaten and tased by Tacoma Police. (1 of 2 posts) ‪#JusticeForManuelEllis ‬

Gepostet von Tacoma Action Collective am Donnerstag, 4. Juni 2020

I due poliziotti sono stati sospesi a Buffalo e 57 colleghi si sono dimessi per solidarietà. “Stavano solo eseguendo gli ordini”, è stata la motivazione dei poliziotti dopo aver commesso il gesto nei confronti dei due agenti sospesi. Tutti fanno parte del Police Emergency Response Team, creato nel 2016 e viene dispiegato in caso di proteste o disordini.