Trovata l’aria più pulita della Terra: dove si trova il luogo più incontaminato

Un recente studio avrebbe scovato il luogo più incontaminato del Pianeta, una zona dove si respirerebbe l’aria più pulita della Terra. 

Antartide
(Foto di Michelle Maria-Pixabay)

L’aria più pulita del Pianeta si troverebbe in una remota zona dell’Antartico, nel bel mezzo dell’Oceano. Ad effettuare la scoperta un gruppo di ricercatori guidato dalla dottoressa Sonia Kreidenweis, dell’Università del Colorado, Stati Uniti.

Leggi anche —> Inquinamento dell’acqua: la mappa che rivela i livelli di arsenico nelle falde

L’aria più pulita del Pianeta si respira in pieno Oceano Antartico

Coronavirus paura Italia mondo problemi gravi
(Getty Images)

L’interconnessione fra meteo e clima rappresenta una delle più complesse dinamiche del pianeta. A dettarne le mutazioni meccanismi regolati da principi fisici e pertanto esatti e puntuali. Tra gli esempi di certo il ciclo dell’acqua, riporta la redazione La Repubblica, come anche quello del carbonio che vengono inevitabilmente influenzati da ghiacciai, deserti e via discorrendo. Ovviamente a corrompere l’equilibrio è l’attività umana che con la sua influenza apporta mutamenti innaturali. Ad andare esente la porzione di Pianeta individuata dallo studio condotto dal gruppo di ricercatori coordinato dalla dottoressa Sonia Kreidenweis. L’analisi, basata su dati empirici, ed i relativi risultati sono stati pubblicati sulla rivista specializzata Proceedings of the National Academy of Science (Pnas).

Come è stato condotto lo studio

Il bioareosol rintracciato a quaranta gradi di latitudine sud dell’Artico sarebbe privo di particelle di inquinamento, questo perché nella zona del Pianeta meno contaminata dall’uomo. Nel concreto sono stati analizzati campioni d’aria prelevati dalla nave di ricerca di Paul DeMott.

La dottoressa Kreidenweis avrebbe commentato i risultati ottenuti affermando che è la prima volta che si registrano tali risultati. Quanto scoperto dalla spedizione SOCRATES, dopo due mesi di navigazione avrebbe quindi dell’incredibile.

Stando a quanto aggiunto dal coautore dello studio Thomas Hill ad agevolare il lavoro sarebbero stati gli airbone, dei microbi presenti nell’aria. Tramite di essi è stato possibile analizzare l’atmosfera, riporta La Repubblica. Non sarebbe stata rinvenuta, dunque, nessuna traccia di inquinamento. Quest’ultimo, ogni anno ucciderebbe ben 7 milioni di persone, numeri drammatici a cui i Governi dovrebbero prestare grande attenzioni.

auto rottamata
(Getty Images)

Leggi anche —> Effetto climatico covid: diminuzione dell’inquinamento fa registrare un fenomeno negativo

Per tale ragione, prioritaria per ogni Nazione dovrebbe essere la tutela dell’ambiente. Rendere l’aria sempre più pulita equivale a salvare delle vite ed è evidente che non sarà mai possibile raggiungere la completa purezza dell’aria come quella a sud dell’Antartico, tuttavia aspirare ad un livello migliore di quello attuale è possibile e fattibile.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.