Marinare la carne prima della cottura, le dritte per non sbagliare

Marinare la carne è una tecnica molto usata in cucina, serve sia per ammorbidire che insaporire le portate 

marinare la carne
(Pixabay)

Marinare la carne prima della cottura è un trucco da non sottovalutare in cucina. Vale per la carne ma anche per il pesce e le verdure. Con un mix di aromi, come le erbe aromatiche e olio, tutto diventa più buono e saporito. È con questi pochi e semplici ingredienti che si può procedere alla marinatura prima della cottura. Si cosparge tutta la carne con il preparato e si lascia riposare.

Quando di parla di marinatura si deve ricordare che ne esistono due tipi: quella che ammorbidisce e insaporisce la carne prima ancora che venga cotta e quella che funge da “precottura”. In questo caso si aggiunge un elemento acido: limone, aceto o vino a piacimento, insieme al sale. Lasciando riposare il cibo si cuoce a crudo potremmo dire proprio grazie all’azione dell’elemento acido scelto. Tecnica questa che si usa per preparare il carpaccio, sia di carne che di pesce.

La marinatura è anche un buon espediente per smorzare l’odore intenso della carne, come nel caso dell’agnello o della selvaggina. Ognuno ne può preparare una diversa, secondo i propri gusti. Più delicata o decisamente intensa con olio ed erbe mediterranee fresche (come alloro, timo, rosmarino, basilico, salvi), spezie anche etniche e più particolari per chi ama i gusti forti (come curry, curcuma, zenzero, cannella, anice, paprika, peperoncino) o anche con una salsina a base di yogurt.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Come marinare la carne, tutti i consigli del caso

Marinare la carne
(Pixabay)

Per marinare la carne bisogna trattarla un po’ di tempo prima della cottura. In questo modo la marinatura agisce in tranquillità e il risultato finale è spettacolare. È necessario inserire la carne in una pirofila, a fettine o a tocchetti e cospargere sopra il preparato.

LEGGI ANCHE —Michela Coppa, i consigli per una vita sana e in pigiama… – FOTO

Step successivo quello di massaggiare la carne con le mani per distribuire la marinatura in modo uniforme. Si copre poi con una pellicola trasparente per alimenti e si lascia riposare in frigo per almeno un paio di ore.

Se nella marinatura è presente l’elemento acido, come detto prima, è essenziale far riposare tutta la notte. In questo modo la carne si cuocerà “da sola”. Vale la stessa cosa anche per l’agnello. La marinatura perfetta non include vino, aceto o limone, ma il suo profumo intenso ha bisogno di essere smorzato e serve abbastanza tempo. Stesso procedimento può essere fatto per il coniglio e il pollo campestre. Hanno degli aromi meno intensi dell’agnello ma comunque importanti. Per chi non li preferisce meglio prolungare la marinatura.

Marinare la carne
(pixabay)

Per il maiale e il vitello non serve molto tempo. La marinatura aiuta ad ammorbidire e insaporire la carne.