Vitamina D, alleata di salute e bellezza per combattere il Coronavirus

Vitamina D. Importante aiuto per rafforzare le nostre difese immunitarie e per migliorare il nostro benessere fisico e mentale

Vitamina D
Vitamina D – Foto dal Web

L’ 80% degli italiani soffre di una carenza di Vitamina D, fondamentale per rinforzare le difese immunitarie, combattere la depressione e rinvigorire ossa e muscoli. Spesso conosciuta come “la vitamina del sole” poichè viene prodotta maggiormente dal nostro corpo grazie proprio all’esposizione ai raggi solari. Nei mesi di lockdown e chiusura forzata dentro le proprie case, si è riscontrato un conseguente deficit di questa vitamina nella popolazione.

Uno dei sintomi classici che funge da campanello d’allarme se si è carenti riguarda sbalzi d’umore e stress ed ansia. Anche la caduta di capelli potrebbe essere un segnale indicativo.

La vitamina D regola la quantità di altri importanti minerali come il calcio e il fosfato, entrambi necessari per la salute ossea, denti e muscoli.

Vitamina D e Dieta

Vitamina D
Raggi solari – Foto dal Web

Esistono due principali forme di vitamina D che sono la vitamina D3 (colecalciferolo) e la vitamina D2 (ergocalciferolo). Le principali fonti di vitamina D sono l’esposizione alla luce solare (sintetizzata nella pelle) e alimenti o integratori alimentari. Tra aprile e settembre, la sintesi cutanea è la principale fonte di vitamina D per la maggior parte delle persone. Si trova in modeste quantità in alcuni alimenti:

– I pesci oleosi come un salmone, le sarde e le sardine.
– Carne rossa.
– Tuorli d’uovo.

LEGGI ANCHE –> Mangia solo frutta per una settimana: i cambiamenti del suo corpo

Coronavirus

Le persone con diabete hanno un rischio più elevato di infezioni, in particolare la polmonite e l’influenza. Inoltre chi soffre di obesità o chi ha oltre 70 anni dovrebbe proteggersi e restare il più possibile a casa durante questo periodo di pandemia.

Un recente studio ha concluso quanto sia importante porre l’attenzione sull’alimentazione e sull’assunzione di proteine durante il COVID19. Linee guida per la salute pubblica affermano che esistono gruppi più a rischio di carenza e dovrebbero assumere un supplemento di 10 microgrammi tutto l’anno come gli operatori sanitari, chi di solito ha poca o nessuna esposizione ai raggi solari, chi è ricoverato in ospedale e anziani.

Non si conoscono ancora tutte le implicazioni tra Vitamina D e Coronavirus ma è ragionevole pensare che, in quanto sia un implemento per il miglioramento delle risposte immunitarie, sarebbe sciocco non farne uso.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Medikme (@medikme1) in data:

Potrebbe addirittura funzionare come opzione terapeutica per il trattamento del virus. È importante notare che si tratta di una raccomandazione molto precoce e basata su studi sui bovini, pertanto non può ancora essere considerata per l’uomo.

LEGGI ANCHE –> Beve solo acqua, limone e miele per un anno: il suo corpo cambia