17 Giugno, Giornata Mondiale contro la desertificazione e la siccità

17 Giugno, Giornata Mondiale contro la desertificazione e la siccità si celebra oggi per sensibilizzare su questo enorme problema

17 Giugno, Giornata Mondiale contro la desertificazione
17 giugno desertification day – foto dal web

Oggi, 17 giugno, sotto l’egida delle Nazioni Unite, si celebra la Giornata mondiale per la lotta alla desertificazione e alla siccità. Il focus del 2020 è il cambiamento degli atteggiamenti pubblici nei confronti del principale motore di desertificazione e degrado del territorio. La produzione e il consumo incessanti dell’umanità sono i maggiori responsabili.

I processi di desertificazione sono il lascito storico di azioni umane nel mondo. La causa principale è legata ai cambiamenti nell’uso del suolo, alle variazioni climatiche e allo sfruttamento eccessivo delle risorse naturali. Essi non tengono conto del fragile equilibrio degli ecosistemi terrestri.

Il termine desertificazione implica il degrado simultaneo di tre risorse naturali fondamentali per la gestione sostenibile del territorio: suolo, acqua e vegetazione. Ha importanti ripercussioni ambientali, sociali ed economiche e colpisce principalmente le aree semi-aride e secche. Queste costituiscono una porzione significativa della superficie terrestre (40%) e sono l’habitat e il sostentamento di gran parte del mondo popolazione.

Leggi anche >>> LA GIORNATA MONDIALE DEGLI OCEANI, 8 GIUGNO: SALVIAMO I NOSTRI MARI

17 Giugno, Giornata Mondiale contro la desertificazione: i rischi

17 giugno Giornata Mondiale
Siccità – Foto dal web

I rischi di desertificazione, compreso anche il bacino del Mediterraneo, e la comprovata tendenza del riscaldamento globale della Terra, sono processi su larga scala con  conseguenze importanti. La desertificazione è sia il risultato che una causa del cambiamento climatico e allo stesso tempo della perdita di biodiversità.

In un contesto di cambiamento globale, le conseguenze dei processi di desertificazione vengono esportate in altre aree non direttamente interessate. Producono inoltre una moltitudine di ripercussioni. Tra gli altri aspetti, va notato, gli impatti sui movimenti della migrazione della fauna selvatica, i cambiamenti nei flussi di radiazione atmosferica, gli effetti sulla dinamica dell’erosione / sedimentazione e l’alterazione dei cicli idrologici. Anche i cambiamenti nei cicli biogeochimici e le conseguenze importanti sulle migrazioni umane come effetto dell’impoverimento della risorsa suolo.

L’elevata variabilità delle precipitazioni, la reiterazione della lunga estate e la siccità pluriennale e la generazione di frequenti tempeste di alta energia erosiva, creano condizioni molto favorevoli per i processi di desertificazione.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Abu Dhabi Ports (@abudhabiports) in data:

Comprendere la natura e i principali processi di degrado che operano nel nostro territorio è essenziale per una gestione e mitigazione sostenibili dei pericoli legati alla desertificazione.

Leggi anche >>> LA GIORNATA MONDIALE DELL’AMBIENTE, 5 GIUGNO: BIODIVERSITÀ A RISCHIO