Covid, le “pillole di ottimismo” del virologo: tra virus e 5G

C’è qualche correlazione tra Coronavirus e torri del 5G? Ce lo dice il virologo Guido Silvestri nella sua rubrica “pillole di ottimismo”.

Coronavirus
Laboratorio (Getty Images)

Uomo di scienza ormai affermato, il virologo Guido Silvestri sta riscuotendo molto successo sul web grazie alla sua rubrica “Pillole di ottimismo”. In questo “ritaglio di social” che ha saputo costruirsi, egli condivide continui aggiornamenti sulla situazione Covid. Ciò che contraddistingue la sua rubrica -non sarà difficile intuirlo- è il pizzico di ottimismo che aggiunge in ogni suo post. Di fronte a chi prospetta una nuova ondata di Coronavirus, Silvestri rassicura: “Il virus è in ritirata, chi lo nega dice sciocchezze”. E poi dice la sua riguardo al presunto legame tra torri 5G e Coronavirus.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, Italia a rischio: cos’è l’Effetto-Pechino?

Torri 5G: diffondono il Coronavirus?

5G Coronavirus
5G (Pixabay)

Nanociambotti di tutto il mondo, unitevi” è stato l’ironico appello di Silvestri, riguardo alla questione 5G. “Ciambotto”, che nelle Marche (sua terra d’origine) significa “stupido”, è parso al virologo un termine adatto ad etichettare quanti stanno dando credito a questa teoria. Egli racconta di aver ricevuto almeno tre email da diverse parti del mondo nelle quali si sosteneva questa tesi. Non solo un caso italiano, dunque. Sempre ironizzando, Silvestri ha sostenuto che esistono anche persone che credono che Elvis Presley sia vivo e tuttavia egli è morto nel lontano 1977.

PILLOLE DI OTTIMISMOBollettino del 19 giugno 2020LA RITIRATA CONTINUA?Certo che sì, e se qualcuno dice di no,…

Gepostet von Guido Silvestri am Donnerstag, 18. Juni 2020

Tante domande e poche risposte, dunque. E se è vero che le informazioni sui social devono sempre essere prese con le pinze, è altrettanto vero che un virologo che diffonde ottimismo in tempo di pandemia lascia comunque ben sperare. Non ci resta che attendere nuovi aggiornamenti a riguardo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus e giovani: l’inquietante scoperta degli esperti

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter