Coronavirus, per il CDC ci sono altri nuovi sintomi

Il CDC ha aggiunto alla lista stilata ad aprile altri tre sintomi che sarebbero il campanello d’allarme per il coronavirus. La lista si allunga e arriva a 12

Coronavirus
(Getty Images)

Si allargano le conoscenze sul coronavirus che essendo nuovo e sconosciuto non ha dato modo ai clinici di poter dare info utili su come intervenire. Man mano si va avanti però, le cose cambiano e le notizie diventano maggiori.

Tra queste arrivano nelle ultime ore il riconoscimento da parte del Centers for Disease Control and Prevention (CDC) di tre “nuovi” sintomi che si aggiungono all’elenco già presente e stilato: “Sintomi del coronavirus” sul sito web.

Secondo gli studiosi congestione o naso che cola, nausea e diarrea sarebbero i campanelli di allarme che dovrebbero far attenzionare la situazione. A fine aprile nove erano i sintomi rilevati e stilati, con questi tre diventerebbero ora ben 12 allungando così la lista da tenere sotto controllo.

LEGGI ANCHE —–>Covid19. Gli Stati Uniti in ginocchio. Nuova ondata nel Sud del paese

Coronavirus, tutti i sintomi della lista

Caldo e coronavirus
(GettyImages)

Si allarga così la lista dei sintomi annoverati tra quelli che possono essere dei campanelli di allarme per l’insorgere dell’infezione da coronavirus. Sono 12 al momento con le tre new entry registrate del CDC.

Congestione o naso che cola, nausea e diarrea si aggiungono ai sintomi già noti come febbre, brividi, tosse, mancanza di respiro o difficoltà respiratorie, fatica, dolori muscolari o corporei, mal di testa, nuova perdita di gusto o olfatto, gola infiammata.

Sintomi che variano da caso a caso, in base alla gravità dell’infezione. La comparsa è diversa e varia da un paio di giorni fino a ben 14 dopo l’esposizione al virus.

LEGGI ANCHE —–>  Coronavirus e HIV: quali le similitudini e perché non colpisce i bambini

Caldo e coronavirus Covid-19
(GettyImages)

Dolori muscolari, difficoltà respiratorie e febbre sono quelli più incisivi tanto che nei casi più gravi conducono al ricovero ma anche tutti gli altri non sono da sottovalutare.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter