Coronavirus, il bollettino del 30 giugno: oltre 1000 nuovi guariti

Il Ministero della Salute, nella giornata di oggi martedì 30 giugno, ha comunicato i numeri dell’epidemia da coronavirus in Italia.

Coronavirus
(Getty Images)

Il Ministero della Salute ha pubblicato la tabella sanitaria per aggiornare lo stato dell’epidemia da Covid-19 in Italia. Secondo quest’ultima, il numero delle persone risultate positive al coronavirus dall’inizio dell’emergenza è salito a 240.578 con un incremento di 142 unità. In calo i soggetti attualmente positivi (-933) che ammontano a 15.563. Nuovo alleggerimento per le terapie intensive: sono 93 in totale i ricoveri, ossia 3 in meno di ieri. Il numero dei guariti è, invece, salito a 190.248 con un incremento di 1.052 unità. Infine si aggrava ancora il bilancio delle vittime che arriva a 34.767, di cui 23 registrati nelle ultime 24 ore.

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di lunedì 29 giugno

Virus portavoce Oms avverte questo scenario più plausibile
(Getty Images)

Il Ministero della Salute nella giornata di ieri ha comunicato i numeri in merito all’epidemia da Covid-19. Stando al nuovo aggiornamento, il numero delle persone risultate positive al coronavirus era salito a 240.436. Ancora in calo i soggetti attualmente positivi che ammontavano a 16.496. Scendono, dopo il lieve incremento dei giorni scorsi, i pazienti in terapia intensiva che risultavano essere 96 in totale. Il numero dei guariti era giunto a 189.196. Si aggravava, infine, il bilancio delle vittime: erano 34.744 i decessi complessivi dall’inizio dell’emergenza.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, bollettino del 29 giugno: solo 6 decessi nelle ultime 24 ore

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di domenica 28 giugno

I numeri in merito all’epidemia da Covid-19 in Italia sono stati diffusi domenica tramite tabella sanitaria dal Ministero della Salute. Stando a quest’ultima, il numero casi di contagio era salito a 240.310. Si registrava un nuovo calo dei soggetti attualmente positivi che ammontavano a 16.681. Salivano nuovamente anche i pazienti in terapia intensiva che risultavano essere 98. Il numero delle persone guarite era giunto a 188.891. Purtroppo si aggravava ancora il bilancio delle vittime per un totale di 34.738 decessi.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus il bollettino del 28 giugno: 174 nuovi casi di contagio

Coronavirus, nuovi focolai in Veneto: parla Zaia

La Regione Veneto sta vivendo ore di apprensione a seguito della scoperta di alcuni potenziali focolai da Covid-19. Sul punto è intervenuto il governatore Luca Zaia il quale ha parlato di numeri stabili e sotto controllo. Quanto al caso della badante moldava trovata positiva, il Presidente della Regione ha annunciato che tutte le badanti di rientro saranno sottoposte a tampone gratuite.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —>Coronavirus, nuovi focolai in Veneto: parla Zaia

Coronavirus. Pronto il primo vaccino prodotto in Cina. Chi saranno i primi a riceverlo

I primi destinatari di vaccino anti-Covid saranno i soldati dell’esercito cinese. Per il paese del Dragone le inoculazioni sono partite già lo scorso 25 giugno, ora si è passati alle tre canoniche fasi di sperimentazione necessarie per poter avviare il prodotto al mercato. A sviluppare il promettente vaccino la CanSimo.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus. Pronto il primo vaccino prodotto in Cina. Chi saranno i primi a riceverlo

Covid, l’OMS avverte: “Un mondo diviso aiuta il virus a diffondersi”

Theodore Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS ha dichiarato con sommo rammarico che nelle condizioni attuali non portano a pensare niente di buono. Il mondo così diviso agevolerebbe la diffusione del virus.

Inoltre, e queste le parole più drammatiche sul fatto che il peggio deve ancora venire. Ghebreyesus, ha reso noto che l’Organizzazione Mondiale della Sanità invierà un team specializzato in Cina per indagare sulle origini del Covid.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid, l’Oms avverte: “Un mondo diviso aiuta il virus a diffondersi”

Maestra positiva al virus: chiuso centro estivo, diversi bimbi in isolamento

Il centro estivo San Luigi di Bologna è stato chiuso dopo che una maestra della struttura è risultata positiva al tampone per il coronavirus. Le autorità sanitarie hanno disposto anche l’isolamento per cinque bambini.

Chiuso in via precauzionale il centro estivo San Luigi di Bologna, dove la didattica era stata avviata lo scorso 11 giugno. Le autorità hanno preso tale decisione dopo che un’educatrice della struttura è risultata positiva al Covid-19. La maestra si era recata al Pronto soccorso dell’ospedale Sant’Orsola nella giornata di sabato dopo aver avuto la febbre, ragione per la quale i medici hanno disposto il tampone, che ha poi dato esito positivo. Oltre alla chiusura del centro, le autorità sanitarie hanno fatto scattare l’isolamento per cinque bambini appartenenti al gruppo dell’educatrice. Sulla questione si è espressa la coordinatrice della didattica della scuola d’infanzia del Collegio San Luigi, Maria Bottazzo. “La decisione di chiudere il centro – spiega la coordinatrice, come riporta Il Resto del Carlino- è stata presa di comune accordo da noi e dai genitori, perché per l’Ausl sarebbe stato sufficiente sospendere l’attività della bolla guidata dall’educatrice contagiata, ma per maggiore sicurezza si è deciso di chiudere questa avventura“.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Maestra positiva al virus: chiuso centro estivo, cinque bimbi in isolamento

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.