Covid, l’Oms avverte: “Un mondo diviso aiuta il virus a diffondersi”

Ancora previsioni negative da parte dell’Oms, dopo aver lanciato l’allarme venerdì su una possibile ripresa della pandemia di Covid in autunno

Coronavirus Oms
Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore Oms (GettyImages)

Il direttore generale dell’Oms, Ghebreyesus, ha dichiarato: “Mi dispiace dirlo ma in queste condizioni, non siamo ottimisti. Un mondo diviso aiuta il virus a diffondersi”. E ha aggiunto, durante il briefing sul Covid-19: “Il peggio deve ancora venire”. Ghebreyesus ha annunciato inoltre che l’Organizzazione Mondiale della Sanità invierà una squadra di ricercatori in Cina nei prossimi giorni per capire le origini del Covid. Ha poi continuato dicendo che il virus ha ancora molta libertà di movimento. “La questione che tutti i Paesi affronteranno durante i successivi mesi è come convivere con il coronavirus: questa è la nuova normalità”. Il direttore generale Ghebreyesus ha poi proseguito dicendo che oggi sono giusto sei mesi da quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ricevuto le prime segnalazioni di casi di polmonite, scaturita da cause ignote in Cina.

LEGGI ANCHE -> L’Oms: Non è finito niente, ci sarà seconda ondata

Il direttore dell’Oms: “Faremo tutti il possibile per salvare vite”

Coronavirus Oms
Oms (ilfattoquotidiano.it)

Il direttore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha proseguito affermando che l’anniversario di sei mesi dell’epidemia coincide con 10 milioni di casi di Covid e 500 mila morti. “È tempo per tutti noi di riflettere sui progressi che abbiamo fatto, e raccomandare a noi stessi di fare tutto il possibile per salvare vite. Sei mesi fa, nessuno di noi avrebbe potuto immaginare come il nostro mondo sarebbero stati gettati in subbuglio da questo coronavirus” – ha aggiunto –.

LEGGI ANCHE -> Covid-19, Brasile in ginocchio dichiara lo stato di calamità

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

Indice Rt
Report Iss Covid-19 (Pixabay)

La pandemia di Covid, secondo Ghebreyesus ha evidenziato il meglio e il peggio dell’umanità: in tutto il mondo ci sono stati atti commoventi di resilienza, inventiva, solidarietà e gentilezza. “Ma abbiamo anche visto segni di stigma, disinformazione e politicizzazione della pandemia” – ha concluso -.