Lecco, trovati due cellulari:potrebbero appartenere ai bimbi uccisi dal padre

Due cellulari sono stati ritrovati in una campana per la raccolta del vetro poco distante dalla casa di Margno (Lecco) dove Mario Bressi ha strangolato i suoi due figli gemelli di 12 anni prima di suicidarsi.

Carabinieri
Carabinieri (Getty Images)

Proseguono le indagini sulla strage consumatasi a Margno, in provincia di Lecco, nella notte tra sabato e domenica, quando Mario Bressi ha ucciso i suoi due figli e poi si è tolto la vita gettandosi da un ponte. Due telefonini sono stati rinvenuti in una campana per la raccolta del vetro poco distante dalla casa teatro della tragedia. I due cellulari, che probabilmente appartenevano ai due bambini, verranno analizzati dai carabinieri che si stanno occupando delle indagini coordinati dal procuratore di Lecco, Antonio Chiappani e dal pm Andrea Frigoni. Al vaglio degli inquirenti c’è già il computer di Bressi che è stato sequestrato nei giorni scorsi. Gli investigatori stanno cercando di chiarire se quanto accaduto possa essere stato premeditato.

Leggi anche —> Lecco, gemellini uccisi: l’ultimo messaggio di Mario Bressi alla moglie

Lecco, ritrovati due telefonini: potrebbero appartenere ai due gemellini uccisi dal padre

Carabinieri
Carabinieri (Foto di djedj-Pixabay)

Due cellulari sono stati rinvenuti in una campana per la raccolta del vetro poco distante dalla casa di villeggiatura di Margno (Lecco) dove nella notte tra sabato e domenica Mario Bressi ha strangolato i suoi due figli gemelli di 12 anni. Si ipotizza, come riporta la redazione de Il Giorno, che i due apparecchi possano essere delle due vittime, considerato che l’uomo avrebbe continuato ad inviare alla moglie messaggi tramite WhatsApp anche poco prima di togliersi la vita gettandosi da un ponte. Circostanza che fa presumere che il suo cellulare, che non è ancora stato ritrovato, possa trovarsi nei pressi del ponte.

Bressi, secondo una prima ricostruzione come riporta Il Giorno, avrebbe gettato via i cellulari dei figli per non permettere alla madre di conservare le foto scattate da Elena e Diego. Adesso i due apparecchi saranno analizzati dai carabinieri che si stanno occupando delle indagini e che già hanno sequestrato il pc di Bressi. Gli investigatori, coordinati dal procuratore di Lecco, Antonio Chiappani e dal pm Andrea Frigoni, stanno cercando di capire se si possa trattare di un duplice omicidio premeditato.

Leggi anche —> Strage a Lecco, parla l’avvocato della moglie

Carabinieri
(Getty Images)

Intanto oggi, martedì 30 giugno, verranno effettuate le autopsie sul corpo dei due bambini e del padre che chiarire ulteriori dettagli sulla tragedia. Dai primi accertamenti è emerso che i due gemellini siano stati strangolati, ma non è chiaro se siano stati prima sedati, circostanza su cui farà luce l’esame autoptico.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.