Molestava la guida del sito museale, condannato il presidente

Abusi sessuali su una ex collaboratrice, il presidente di “Napoli sotterranea” condannato a un anno e otto mesi. Molestava la guida

Amanda sorvegliante
(foto dal web)

Abusi sessuali su una ex collaboratrice, il presidente di “Napoli sotterranea” condannato a un anno e otto mesi. Molestava la vittima. Per il presidente Vincenzo Albertini l’accusa aveva chiesto 7 anni. Concessa la sospensione condizionale, i giudici hanno ravvisato l’ipotesi attenuata del reato, quella prevista in caso di “fatto lieve. La donna di 34 anni ha trovato il coraggio di denunciare il 59enne presidente dell’associazione che ha in concessione dal Comune di Napoli la gestione del famoso sito di interesse storico. I fatti in oggetto si riferiscono al mese di gennaio 2017.  I giudici, il cui collegio è presieduto da Concetta Cristiano, hanno considerato l’imputato responsabile dell’ipotesi attenuata di violenza sessuale, configurata in caso di “fatto lieve”. L’imputato è stato anche condannato all’interdizione temporanea dai pubblici uffici. Tuttavia, anche questa pena è stata sospesa con la condizionale. In tal modo gli hanno concesso anche il beneficio della sospensione condizionale.

Leggi anche > Di Maio promuove e rilancia

Molestava la guida, condannato

Luigi de Magistris
Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris (Getty Images)

Il presidente di Napoli sotterranea Vincenzo Albertini veniva assistito dagli avvocati Sergio Pisani e Maurizio Zuccaro. Costoro hanno già presentato il ricorso in appello. Atti trasmessi in Procura anche per cinque testimoni della difesa. La vittima invece, veniva assistita dall’avvocato Alessandro Eros D’Alterio. Ora si attende anche la decisione del Comune di Napoli che potrebbe sospendere la concessione del sito di interesse storico oppure attendere la sentenza definitiva per decidere, poi, il da farsi.

Leggi anche > Si ammala di covid e muore a 17 anni

Violenza donna
VIOLENZA (Nino Carè – Pixabay)

Lo scorso 10 febbraio il Comune di Napoli ha annunciato il mancato rinnovo concessione del sito di “Napoli Sotterranea” e l’affidamento transitorio del sito, per 4 anni, ad un’azienda partecipata comunale.